Nasce a Bologna l'antifurto social: "Una app vi farà ritrovare le biciclette rubate"

Gli ideatori del dispositivo sono i due bolognesi Francesco Girelli e Stefano Rosanelli: "Amiamo entrambi la bici, odiamo i furti, che in Italia sono circa un migliaio al giorno. Questa la nostra formula per contrastarli, partiamo da Bologna". Al via il crowdfunding

Chi ha subito almeno una volta a Bologna il furto della sua bicicletta alzi la mano. Davanti a Francesco Girelli e Stefano Rosanelli si sollevano braccia a decine: certo, perchè il furto di biciclette è di fatto l'elemento più scoraggiante per chi medita di convertirsi alle due ruote per gli spostamenti urbani, magari con un mezzo quanto meno decente e sicuro. 

Francesco Girelli e Stefano Rosanelli sono i due bolognesi ideatori di un dispositivo antifurto e di una app in grado di creare una community di contrasto al furto, per metà fatto di tecnologia e per metà fatto di persone: «Amiamo entrambi la bici, odiamo quindi i furti, che in Italia sono circa un migliaio al giorno. Ci abbiamo lavorato per un paio di anni e alla fine è arrivato BiCiclope, un dispositivo antifurto invisibile (resta nascosto) e installabile su qualsiasi bicicletta, abbinato a un’app per smartphone in grado di segnalare il furto e di avvisare automaticamente tramite servizio in Cloud tutti i membri della community che si trovino in prossimità della bicicletta sottratta». E non a caso il logo stilizzato è un occhio. Del tipo: "butta un occhio alla bicicletta". 

«Vista la reattività dei bolognesi, molti già particolarmente attivi su gruppi social in cui ci si scambiano informazioni e notizie, siamo certi che la community sarà la differenza. Per ora partiamo dalla nostra città, poi ci espanderemo» dicono Stefano e Francesco. 

L'antifurto di Francesco e Stefano, che lavorano entrambi nella progettazione hardware e software, ha vinto nel 2018 il bando per startup innovative della Regione Emilia-Romagna e adesso è protagonista di una campagna di crowdfunding (sulla piattaforma Eppela) che consentirà ai partecipanti di pre-ordinare uno o più dispositivi a prezzo scontato, consentendo la messa a regime della produzione e l’implementazione della rete. Una delle note positive pare essere proprio il prezzo, che si aggira sulla trentina di euro, ben distante da altri dispositivi già in commercio, sempre tecnologici, ma con caratteristiche molto diverse. 

«Intanto specifichiamo che non si tratta di un antifurto GPS  - spiega Stefano Rosanelli - BiCiclope si muove in un mercato, quello degli antifurto tecnologici per biciclette, che di fatto ancora non esiste: ci sono, è vero, i dispositivi GPS/3G che usano moduli GPS per la localizzazione e SIM dati 3G-GPRS per comunicare i dati, o lucchetti elettronici smart controllati tramite app, ma si tratta di soluzioni costose, con ridotta autonomia, non occultabili e soprattutto pensati per un uso personale, non per creare una rete di persone. Il particolare form factor ed i materiali utilizzati per BiCiclope consentono invece bassi costi di produzione, il perfetto occultamento nella bicicletta con l’utilizzo di semplici sistemi antieffrazione, e almeno 2 anni di autonomia con apposite batterie. Quel che più ci preme realizzare è una rete di persone che si aiutano per contrastare i furti semplicemente installando l’app». 

«Il nostro BiCiclope - a parlare è Francesco - intende fornire un argine al fenomeno dei furti combinando alla tecnologia un’imprescindibile componente di condivisione ed etica “social”: tramite un dispositivo nascosto e installabile su qualunque bicicletta e un’applicazione per smartphone in grado di segnalare il furto e di avvisare automaticamente tramite servizio in Cloud tutti i membri della community che si trovino in prossimità della bicicletta rubata, BiCiclope crea una rete di contrasto ai furti sul territorio».

Biciclope-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus : l'Università di Bologna sospende lezioni, esami e lauree

  • Diodato canta a sorpresa "Fai rumore" sotto i portici di via Oberdan

  • Bimbo di 2 anni resta chiuso in auto: passante spacca il vetro

  • "Appropriazione indebita": sequestrati 100 immobili a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento