Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca Porto / Via Floriano Ambrosini

Furti a raffica: prete blocca l'"Arsenio Lupin" delle chiese

Ladro seriale aveva fatto razzia nei luoghi di culto in tutta la città: l'ultimo colpo - a "Santa Maria delle Grazie" - è finito male. In casa trovato lauto bottino in quadri e oggetti sacri

Teche per ostie, libri sacri, statue da presepe, leggii, paramenti e svariati oggetti sacri di valore, tra cui anche il prezioso crocifisso rubato dalla chiesa del 'Cristo Re': questo il 'tesoretto' rinvenuto in casa del "Lupin delle chiese": il ladro seriale che ha messo a segno svariati futi nei luoghi di culto della città.
Molte le parrocchie e i conventi finiti nel suo mirino: l'ultimo colpo a “Santa Maria delle Grazie” in via Ambrosini, andato a monte grazie all'intervento di Don Mario Benvenuto, che ha scorto il malintenzionato in flagrante e ha dato l'allarme ai carabinieri. Così martedì pomeriggio è finito in manette il reo, un 51enne pregiudicato di Bologna, catturato dai militari mentre tentava la fuga con ancora addosso la refurtiva. Ben poca cosa era, però a confronto di quanto poi rinvenuto nel suo appartamento.REFURTIVA OGGETTI SACRI-2

Scattata infatti la perquisizione nell'abitazione del malfattore, in via Vighi, è stato scovato un vasto assortimento di oggetti sacri precedentemente sottratti alle parrocchie bolognesi, tra cui quella del “Cristo Re” di via Emilia Ponente e della “Beata Vergine Immacolata” di via Piero della Francesca,  i cui ultimi furti non erano stati ancora scoperti dai rispettivi parroci.

Insieme alla refurtiva i Carabinieri hanno rivenuto anche un prezioso crocifisso in legno, risalente agli anni ’60, rubato nel dicembre scorso da un altare della chiesa di “Cristo Re”, per cui il parroco, Don Stefano Fermo, aveva invece presentato denuncia.

Il malvivente, oltre a quelli in luoghi di culto, non disdegnava comunque altri furti di genere più comune: nella sua abitazione è stato infatti trovato anche un portafogli, contenente una carta credito ed altri effetti personali, borseggiato a Bologna due giorni prima ad una 21enne bolognese.

Dopo aver recuperato e restituito la refurtiva ai legittimi proprietari, i Carabinieri hanno così tratto in arresto il 51enne, che verrà processato dalla locale Autorità Giudiziaria per le accuse di furto aggravato continuato e ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti a raffica: prete blocca l'"Arsenio Lupin" delle chiese
BolognaToday è in caricamento