Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Furti di macchinari: sgominata banda, diversi colpi anche in provincia

I carabinieri di Ferrara hanno arrestato tre persone, sospettate di far parte di una batteria dedita ai furti di pezzi di macchinari agricoli e movimento terra

Sono cinque su una ventina i furti 'bolognesi' contestati a un gruppo di tre persone, ieri arrestato dai carabinieri di Ferrara con l'accusa di furto aggravato e continuato ai danni di proprietari edili e terrieri.

Il gruppo, che nella stragrande maggioranza dei casi ha colpito nel ferrarese, avrebbe secondo i militari, agito anche nel bolognese. Altri episodi contestati si riferiscono a fatti avvenuti nelle province di Ravenna, Rovigo e Modena.

Ai tre uomini, un 53enne, un 39enne e un 30enne, tutti cittaidni romeni, sono contestati in praticolare, tra gli altri anche cinque episodi nel bolognese, tra il 2018 e il 2019. Due di loro erano bracicanti agricoli e incensurato, metnre il 39enne, operaio, risulta già pregiudicato.

In particolare i tre romeni, agendo in concorso tra loro ed altre persone non ancora identificate, nel corso degli anni 2018 e 2019 si sono resi responsabili di almeno 24 furti di attrezzature e macchinari di ogni tipo, asportati da stabilimenti industriali, cantieri edili o stradali ovvero da aziende agricole. 

All’esito delle attività investigative e dei riscontri raccolti dagli investigatori il Pubblico Ministero Dr.ssa Cristina D’Aniello della Procura della Repubblica di Ravenna, formulava al GIP di quel Tribunale, la richiesta di custodia cautelare in carcere per i tre soggetti.

furti banda macchine agricole edili 3-2

Tale misura si è resa necessaria sia per la gravità, la quantità e modalità di commissione dei reati (asportati beni per oltre 200.000 euro), sia per il concreto pericolo di fuga degli indagati, i quali, anche nel corso delle indagini, hanno trascorso lunghi periodi nel paese di origine.

Il Giudice per le indagini preliminari Dr. Corrado Schiaretti, nel concordare pienamente con le risultanze investigative prodotte dal reparto operante, emetteva l’Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere che veniva eseguita ieri dai Carabinieri di Ferrara.

L’indagine ha consentito di dimostrare l’esistenza, tra settembre 2018 ed ottobre 2019, di un sodalizio criminale dedito alla commissione di furti di macchine operatrici ed attrezzature varie per l’edilizia.
I tre arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale di Ferrara, ove rimarranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria Ravennate.

I colpi 'bolognesi' della banda

Tra i 24 episodi contestati al gruppo figurano:

  • Tra il 30 ed il 31.05.2019 a San Giovanni in Persiceto (BO), furto  in una azienda, di un argano, due idropulitrici oltre al registratore dell’impianto di videosorveglianza
  • Tra il 2 ed il 3.06.2019 a Minerbio (BO) furto in un cantiere, di un mini escavatore Bobcat con tre benne intercambiabili ed un martello idraulico demolitore. 
  • Il 06.07.2019 a Medicina (BO), subiva il furto presso il magazzino della “partecipanza agraria di villafontana”, di vari utensili da lavoro, un compressore, una livella laser ed un autocarro.
  • 22.11.2018 a Medicina (BO), furto in un magazzino di 10 quintali di legna
  • 27.10.2018, a Molinella (BO), tentato furto presso una fabbrica dismessa.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti di macchinari: sgominata banda, diversi colpi anche in provincia

BolognaToday è in caricamento