Cronaca Centro Storico / Via Orfeo, 32/5

Via Orfeo, tre furti in pochi giorni al negozio di frutta e verdura: "Qui da 25 anni, è quasi accanimento"

Hanno forzato le saracinesche una dopo l'altra, sempre di notte, portandosi via del denaro e una catenina d'oro. Il terzo, grazie all'intervento del fornaio, è rimasto solo un tentativo

L'Antonia (così, con l'articolo) nell'asse via Orfeo, via Castiglione, via Rialto e via dei Coltelli la conoscono tutti, visto che da 25 anni è il negozio di ortofrutta del quartiere. E nelle ultime settimane, proprio lei, è stata presa di mira dai ladri che hanno messo a segno due furti e un tentato furto. Tutti di notte, l'ultimo un po' troppo rumoroso, tanto da attirare l'attenzione del fornaio di zona, che subito ha chiamato la Polizia facendo scappare i malintenzionati. 

"La prima volta è successo di sabato. La mattina sono venuta ad aprire e ho trovato il negozio tutto sottosopra - racconta Antonia Abbieri, sue le serrande del civico 5 di via Orfeo - mancava il fondo cassa (circa 150 euro e un po' di moneta) e una catenina d'oro che avevo lasciato qui perchè dovevo portarla a riparare. Un oggetto a cui tenevo tanto, era molto bella. Mancavano anche dei documenti che poi mi hanno segnalato essere intorno a un cestino in via Rialto, dove sono stati recuperati". 

E a distanza di pochissimi giorni, il martedì di questa settimana, ecco la seconda sgradita irruzione, sempre nel pieno della notte: "Hanno forzato la seconda saracinesca, mentre l'altra volta erano entrati dalla prima. - prosegue Antonia - Hanno messo a soqquadro tutto, rovesciato la frutta e di nuovo portato via registri e documenti (poi ritrovati in via de' Coltelli). Niente denaro, non ne tengo più in negozio". 

Nel quarto di secolo dell'attività fatti del genere si contano sulle dita delle mani e adesso proprio nel giro di un paio di settimane, quasi un accanimento: "La Polizia naturalmente è stata informata. Ho raccontato tutto agli agenti e spero che non accada più, anche perchè non c'è nulla da rubare". Diversi commercianti della zona (inclusa lei) sono stati colpiti già a marzo scorso, uno dopo l'altro, proprio nel periodo in cui erano in vigore le più serrate restrizioni da Covid: nel raggio di qualche giorno infatti irruzioni notturne avevano interessato l'erboristeria e un negozio di abbigliamento per bambini di via Castiglione e la tipografia di via dei Coltelli. 

C'è naturalmente tutta la solidarietà degli affezionati clienti e dei residenti dei dintorni perchè ad Antonia e al suo negozio un po' retrò con i gonfiabili della Chiquita sono tutti molto legati: "Speriamo non accadano più episodi come questi, staremo attenti anche noi - la reazione di un cittadino frequentatore storico del negozio - è ingiusto soprattutto nei confronti di una commerciante così onesta da non venderti la frutta e la verdura se non la considera abbastanza buona. Tutti almeno una volta si sono sentiti dire che no, questo non te lo do perchè non mi convince".  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Orfeo, tre furti in pochi giorni al negozio di frutta e verdura: "Qui da 25 anni, è quasi accanimento"

BolognaToday è in caricamento