rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Cronaca

Reati, a Bologna e provincia più nove per cento in un anno

Le cifre fornite durante le celebrazioni del 170esimo anniversario della polizia di stato. A crescere sono i reati contro il patrimonio come i furti. Sul lato amministrativo, carico di lavoro in crescita a doppia cifra sulla gestione dell'ufficio immigrazione

Nell'ultimo anno il numero dei reati registrati nella provincia di Bologna "ha fatto segnare un generale e leggero aumento del 9%", con le denunce per gesti contro il patrimonio, in particolare i furti, "cresciuti del 17% circa in provincia e del 20% in città".

E' lo spaccato di Bologna per quanto riguarda il 2021 secondo i dati forniti dalla polizia di stato in occasione del 170esimo anniversario dalla fondazione.

In leggero aumento anche i reati contro la persona, con un +8% per quanto riguarda percosse e minacce, mentre il contrasto alla droga "ha portato al sequestro di 7.962 chili di cocaina e 400 chili tra marijuana e hashish, con l'arresto di oltre 200 persone".

A Bologna occhio puntato sulla lotta allo spaccio

Infine, sono aumentati "gli avvisi orali e gli ammonimenti per violenza domestica e atti persecutori". Proprio "sull'efficacia dell'ammonimento, un semplice provvedimento amministrativo che può prevenire episodi di violenza", si sofferma il questore Isabella Fusiello, che pur ribadendo che la Polizia "è molto impegnata nel contrasto alla violenza sulle donne", riconosce che in quell'ambito "è molto difficile intervenire, e spesso assumiamo un ruolo di 'pronto soccorso', intervenendo quando i fatti si sono già verificati". Da qui l'appello alle vittime a sfruttare lo strumento dell'ammonimento e, in generale, a rivolgersi alla Polizia.

Quanto alle altre attività svolte dai poliziotti bolognesi nell'ultimo anno, Fusiello spiega che "la Polizia è stata impegnata soprattutto nell'attività di prevenzione, contrasto al degrado urbano e contrasto al piccolo e grande spaccio di droga". Anche "la chiusura degli esercizi pubblici e il controllo dei documenti a ragazzi che spesso erano aggressivi- aggiunge- sono stati fatti per dare maggiore sicurezza".

Oltre a questo, aggiunge, "ci siamo occupati anche delle manifestazioni pubbliche, garantendo il diritto a manifestare e quello alla sanità pubblica attraverso scelte fatte sempre con il massimo equilibrio". Infine, per quanto riguarda l'accoglienza dei profughi ucraini, il questore pone l'accento sulla "grande attenzione nei confronti dei minori, su cui siamo molto vigili per evitare che cadano nelle mani di organizzazioni criminali".

Super lavoro per l'ufficio immigrazione

E l'Ufficio Immigrazione ha dovuto 'fare gli straordinari'. Sono inoltre "aumentati del 28% gli arresti, mentre le denunce sono rimaste costanti e le chiamate al 113 sono leggermente cresciute". Questi, in sintesi, i dati sull'attività della Polizia nel capoluogo emiliano, diffusi oggi in occasione del 170esimo anniversario della Polizia stessa.

Scendendo nel dettaglio, la Questura bolognese sottolinea "il grande impegno dell'Ufficio Immigrazione, che registra un aumento del 57% nell'attività di rilascio dei passaporti e del 30% per i permessi di soggiorno". I reati in materia di sfruttamento della prostituzione sono in netto calo (-35%).

Sicurezza Bologna, reati in lieve calo ma aumentano droga, violenze sessuali e rapine

Sicurezza e reati, indagine Censis: Bologna terza in Italia per denunce

Reati e denunce, Bologna terza in Italia: pesano furti e truffe
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reati, a Bologna e provincia più nove per cento in un anno

BolognaToday è in caricamento