Cronaca

Furto 'goloso' alla Carpigiani: nel mirino le macchine per il gelato

I carabinieri hanno arrestato due persone: le indagini si concentravano su di loro da tempo

Un furto in piena regola, dentro il noto stabilimento di Anzola. E' quello che hanno smascherato i carabinieri del comune alle porta di Bologna, con l'arresto di due soggetti per aver asportato alcune macchine per gelati della nota azienda Carpigiani.

In manette sono finiti un 48enne cittadino nigeriano, residente a Bologna, e un 47enne cittadino iracheno, residente a Ravenna. Entrambi ora dovranno rispondere di furto aggravato in concorso.

Ai due i carabinieri soo arrivati dopo una breve indagine: da qualche mese infatti qualcuno aveva iniziato a rubare le macchine professionali per la produzione di gelato all’interno della ditta, per un valore complessivo di 100mila euro.

Studiando le mansioni degli operai, i Carabinieri hanno scoperto che il 48enne, dipendente di un’azienda specializzata nelle pulizie industriali, con sede a Bologna, e incaricato nello smaltimento dei rifiuti presso la ditta “Carpigiani”, aveva iniziato a rubare le macchine per la produzione del gelato, caricandole sul muletto che era abilitato a manovrare. Le macchine in questione venivano scaricate nel furgone del 47enne, che in passato era peraltro stato già ex cliente dell’azienda.

Il 47enne, infatti, conosceva il valore di mercato delle macchine professionali della ditta perché le aveva acquistate e rivendute in Medio Oriente. L’irruzione dell'altro giorno però ha consentito di bloccare i due ladri in flagranza di reato e recuperare nel furgone dell’iracheno una settantina di “agitatori” per il gelato del valore complessivo di 70mila euro. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario, mentre i due ladri, su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, sono stati tradotti in camera di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto 'goloso' alla Carpigiani: nel mirino le macchine per il gelato

BolognaToday è in caricamento