Scopre i ladri e viene minacciato: "Non ci seguire o ti facciamo male"

In tre sono fuggiti a bordo di un'auto grigia dopo aver tentato un furto nella sede della fondazione Giardini del Casoncello

Scatta l’allarme, corre nella sede della fondazione e mentre cerca di capire dall’esterno cosa è successo si trova davanti due persone vestite da cacciatori che si calano sul viso il passamontagna, lo minacciano e scappano. “Stai fermo, non seguirci altrimenti ti facciamo male” è quanto pronunciato dai malviventi nei confronti di Lucio Filippucci, marito di Maria Gabriella Buccioli che ha creato i famosi Giardini del Casoncello.

Tutto è successo ieri pomeriggio in via Scascoli a Loiano, poco dopo le 16: “Ero allo studio quando sul cellulare mi è arrivato un messaggio d’allarme per la sede della fondazione Giardini del Casoncello – racconta a BolognaToday Lucio Filippucci –  Sono corso lì a piedi perché non ero distante, e mentre mi avvicinavo alla sede ho notato un’auto grigia mettersi in moto e spostarsi. Mentre stavo verificando sul retro cosa fosse successo perché l’allarme non suonava più, sono spuntate dalla proprietà privata due persone, vestite come cacciatori  che si sono messi subito il passamontagna sul viso e mi hanno minacciato”. Un faccia a faccia con i ladri: “Hanno detto che mi avrebbero fatto del male se li avessi seguiti e sono corsi sulla strada dove ad attenderli c’era quell’auto grigia che si era allontanata appena ero arrivato. Mi hanno parlato in perfetto italiano, ma quando correvano via hanno pronunciato qualcosa in una lingua dell’Est europa”, conclude Filipucci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due malviventi erano appena entrati nella sede della fondazione da una porta sul retro quando è suonato l’antifurto che ha inviato il messaggio al proprietario, ma i ladri non si sono arresi e hanno divelto la centralina per farlo smettere di suonare. Poi hanno messo a soqquadro qualche stanza, buttando all'aria cassettti e documenti, ma probabilmente sono stati avvisati dal "palo" in auto che qualcuno stava entrando. Così i due hanno ben pensato di correre fuori, cercando di nascondersi ma si sono trovati davanti Lucio Filipucci.  Scattata la minaccia, sono fuggiti a bordo della vettura girigia che l'uomo aveva subito notato al suo arrivo. Indagini su quanto accaduto sono in corso.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • L'oroscopo di agosto segno per segno: ecco cosa dicono le stelle

  • Da Budrio a "Mister Italia 2020": Ruben Ganzerli tra i trentadue finalisti

  • Covid e gestione piscine, parrucchieri ed estetisti: siglata nuova ordinanza in Emilia-Romagna

  • Le 10 mostre di agosto da non perdere a Bologna

  • Temporale improvviso nel gran caldo, alberi caduti e allagamenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento