Cronaca Via Toscana

Via Toscana, assalto al CUP del poliambulatorio "Mazzacorati": sradicata la cassaforte

1500 euro il bottino racimolato. Cinque soggetti in arresto, rintracciati durante un servizio di controllo nei pressi del 'colpo'

Furto aggravato in concorso. Di questo dovranno rispondere 5 pregiudicati, arrestati dai Carabinieri per aver 'assaltato' il Punto CUP del Poliambulatorio “Mazzacorati” di via Toscana. Si tratta di 5 uomini, tutti originari del napoletano: V.V. 41 anni, C.C. 45 anni, P.V. 48 anni, P.S. 38 anni e N. V. 45 anni. La banda è stata fermata mercoledì notte in via Augusto Murri, durante un servizio di contrasto ai reati predatori.

“Siamo stati in un night club” è la risposta che i cinque napoletani hanno fornito per giustificare la loro presenza nel quartiere San Ruffillo, ma i Carabinieri, conoscendo i precedenti di polizia a carico di un membro del gruppetto (l’unico dei cinque residente a Bologna  e probabilmente basista) hanno deciso di effettuare una perquisizione. All’interno di una borsa i militari hanno rinvenuto un seghettino, due torce e un mazzo di chiavi di una Fiat Croma parcheggiata in via Francesco Cilea. All’interno del portabagagli sono stati rinvenuti diversi arnesi da scasso. Non solo. Nella vettura è stata rinvenuta anche una doppia cassaforte di notevoli dimensioni, che i soggetti hanno poi ammesso di aver scardinato dal muro del Poliambulatorio.
Giunti sul posto, i Carabinieri hanno rilevato che i sensori volumetrici del sistema anti-intrusione erano stati oscurati e alcune porte di legno erano state forzate. Inoltre, una sedia a rotelle rinvenuta nei pressi dell’ingresso stava ad indicare che i malviventi l’avevano utilizzata come “muletto” per trasportare fuori la pesante cassaforte.

La refurtiva, 1.500 euro, è stata restituita al legittimo proprietario. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, Sostituto di turno Dott. Giuseppe Di Giorgio, i cinque, tutti gravati da precedenti specifici, sono stati trasferiti in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Ieri mattina, dinanzi al GIP del Tribunale di Bologna, dott.ssa Rita Chierici, si è svolto l’interrogatorio di convalida, al termine del quale è stata disposta la custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti dei cinque che hanno ammesso le proprie responsabilità. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Toscana, assalto al CUP del poliambulatorio "Mazzacorati": sradicata la cassaforte

BolognaToday è in caricamento