Pappagalli esotici in mini-gabbie e condizioni igieniche precarie: nei guai imprenditore

I volatili, appartenenti a specie tutelate, all’interno di un capannone agricolo tra rifiuti ed escrementi. Uno trovato morto

I Carabineiri di Galliera e i militari del Nucleo Carabinieri CITES di Bologna hanno denunciato un allevatore di pappagalli per violazione alle norme sul benessere animale ed in materia CITES - Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione.

Si tratta di imprenditore bolognese di 53 anni che deteneva all’interno di un capannone agricolo di Galliera alcune decine di pappagalli appartenenti a specie tutelate dalla Convenzione di Washington (CITES) in pessime condizioni igieniche, con presenza di escrementi, residui di mangimi e rifiuti di varia natura. In diversi casi, le gabbie erano di piccole dimensioni, quindi senza rispetto delle normali esigenze dei volatili. Un pappagallo presentava una grave forma di deplumazione, sintomo, riferiscono i Carabinieri, di disagio legato alle cattive condizioni di vita, mentre un altro è stato rinvenuto morto. La carcassa di quest’ultimo è stata inviata all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Bologna per l’esame necroscopico, volto ad accertare le cause della morte.

Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati alla verifica della legale provenienza dei pappagalli detenuti dall’allevatore bolognese, che verranno effettuati anche ricorrendo all’analisi del DNA.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carabinieri Forestali: specie protette e reati ambientali, oltre 500 illeciti

I Nuclei Carabinieri CITES, dislocati su tutto il territorio nazionale, sono un reparto speciale dell’Arma con funzioni di controllo sull’applicazione della Convenzione di Washington (Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora - C.I.T.E.S.) sul commercio internazionale di specie animali e vegetali minacciate di estinzione. I Nuclei CC CITES fanno capo al Raggruppamento Carabinieri CITES con sede a Roma quest’ultimo incardinato nel Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari dell’Arma dei Carabinieri dal quale dipendono reparti dedicati all’espletamento di compiti particolari in materia di tutela dell’ambiente, del territorio, delle acque, delle risorse forestali e della sicurezza agroalimentare. I Nuclei Carabinieri CITES, oltre all’attività di contrasto al traffico illecito di specie tutelate dalla Convenzione di Washington (CITES) nonché dalla normativa nazionale e comunitaria, sia che si tratti di esemplari vivi che di prodotti derivati (es. pellami, avorio, legname, prodotti cosmetici e farmaceutici ecc.)  sono chiamati ad intervenire anche contro i reati di maltrattamento ai danni di animali e di bracconaggio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Liceo Galvani, lutto al rientro a scuola: è morto il prof Stefano Tampellini

  • Soccorsi all'alba in via Emilia Levante: nulla da fare per un ragazzo di 20 anni

  • Coronavirus nel bolognese, un caso a Longara di Calderara di Reno: "34 ragazzi in isolamento"

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Aggressione in casa: tenta violenza sessuale, lei scappa in strada

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento