Aggressione ai giardini di una studentessa, scoppia la lite con il coccio di bottiglia

Denunciato un 37enne con precedenti

Erano intervenuti perché poco prima una loro amica era stata aggredita mentre andava in bagno. Poteva finire molto peggio la lite scoppiata nella nottata di ieri ai giardini Margherita, dove un 37enne cittadino pakistano è stato denunciato per molestie, violenza privata, percosse e minacce gravi.

Intorno alle 2:30 di notte è arrivata una chiamata al 113, dove si segnalava una violenta lite in atto. All'arrivo degli agenti il litigio era finito, ma gli agenti hanno identificato l parti: oltre al 37enne anche due studenti Erasmus francesi di 22 e 23 anni.

Ai poliziotti la vittima della prima aggressione ha spiegato che si era assentata per andare in bagno, finendo però per essere attenzionata e poi presa per il collo dal 37enne. Divincolatasi dalla presa la ragazza, cittadina estone di 21 anni, è riuscita ad allontanarsi dal soggetto, che però poi è stato avvicinato dai due amici di lei.

Ne sarebbe quindi nato prima un diverbio, poi una colluttazione, dove a spintoni i due ragazzi hanno forzato il 37enne ad andarsene dai giardini. in prossimità di un cestino però, quest'ultimo ha afferrato una bottiglia di birra vuota e l'ha rotta, minacciando i due con il coccio di bottiglia. La situazione è andata avanti per un poì' fino all'arrivo delle volanti e alla denuncia a carico del 37enne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

Torna su
BolognaToday è in caricamento