menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gioco d'azzardo: via slot e videolottery da centri anziani e giovanili

Emendamento presentato da Fratelli d'Italia, corretto e accolto dal Pd

Via slot e videolottery dai centri anziani e centri giovanili. Ancora un giro di vite dalla Regione Emilia-Romagna nella lotta al gioco d'azzardo non solo in locali vicini a luoghi sensibili, ma anche in quelli ospitati in locali concessi da enti pubblici. Il nuovo divieto è stato inserito oggi nel provvedimento approvato oggi dall'Assemblea legislativa e integra la legge regionale del 2013. Un emendamento presentato da Gianfranco Tagliaferri di Fratelli d'Italia, corretto e poi accolto dal Pd.

Sanzioni

Da 5.000 a 10.000 euro per i locali con slot e vlt che non rispettano la distanza dei 500 metri dai luoghi sensibili, come scuole e ospedali, con tanto di blocco tramite sigilli agli apparecchi in caso di nuova installazione. Se la violazione viene reiterata, si può arrivare alla sospensione dell'attività da 10 a 60 giorni. Prevista invece una deroga per gli ippodromi, ma solo per le scommesse fatte agli sportelli e ai picchetti degli allibratori all'interno delle strutture. 

La norma, che ad esempio il Comune di Bologna aveva già anticipato con il proprio regolamento approvato nei mesi scorsi, va a colpire di fatto tutti quei soggetti che "gestiscono centri anziani, centri giovanili, attività aggregative e ludico-ricreative", spiega Tagliaferri, che cita il caso di alcuni circoli di Reggio Emilia. E anche a Bologna, l'Arci ha minacciato alcune sue realtà di cancellare l'affiliazione se non provvedono a togliere slot e videolottery. "Non indicare questo divieto avrebbe reso la legge incompleta", sostiene il sovranista Michele Facci, l'unico però che alla fine si astiene sul provvedimento. (dire)
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento