Cronaca Centro Storico / Piazza Maggiore

Giornata della Memoria: 200 giovani 'invadono' piazza Nettuno per dire no alle Mafie

Hanno preso parte all'iniziativa lanciata dall'associazione Libera. In città, per in occasione della ricorrenza, anche un corteo e prodotti di Libera Terra distribuiti nelle scuole e negli ospedali

Oggi, nella diciannovesima Giornata della Memoria e dell'Impegno  per ricordare le vittime  innocenti  di tutte le mafie, il consiglio comunale di Bologna si è riunito  in  seduta  solenne, durante la quale ha approvato all'unanimità un ordine del  giorno  per  esprimere  solidarietà alle vittime delle mafie.

In città oggi, per l'occasione, anche un corteo, la distribuzione dei prodotti di Libera terra nelle mense scolastiche e negli ospedali, e un sit-in piazza Nettuno. Qui circa 200 ragazzi, che hanno preso parte all'iniziativa lanciata dall'associazione Libera si sono radunati, con tanto di bandiere e t-shirt con slogan anti-mafia, ascoltano i nomi delle vittime della malavita organizzata. A cominciare il lungo e doloroso elenco, verso le 10.30, è  stata la viceresidente della Regione, Simonetta Saliera, ma in tanti si alternano alla lettura.

A ridosso della fontana del Nettuno, ci sono anche volti noti della politica locale e delle Istituzioni, tra cui Danilo Gruppi della Cgil e alcuni consiglieri provinciali. Gli striscioni, dopo un po', vengono stesi in terra, recitano frasi come "La mafia uccide, il silenzio pure", o "Ricordare e'' forza, l''impegno e'' dovere". Accanto al presidio c'è il banchetto di Libera terra, che vende prodotti alimentari che giungono dalle terre liberate dalle mafie e gadget. Attorno, sono stati montati dei cartelloni, che raccontano brevemente la vita e la morte di alcune delle vittime della malavita organizzata.

(Agenzia Dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata della Memoria: 200 giovani 'invadono' piazza Nettuno per dire no alle Mafie

BolognaToday è in caricamento