menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio del freezer, confermati i 30 anni per Giulio Caria

La Corte di Cassazione ha confermato la pena per l'omicidio della sua convivente, la 39enne Silvia Caramazza. Denominato l'assassinio 'del freezer', questo femminicidio fu sconvolgente per l'opinione pubblica

Omicidio di Silvia Caramazza, confermata dalla Corte di Cassazione la condanna di trent'anni per Giulio Caria, il convivente della donna trovata cadavere all'interno di un freezer nel suo appartamento di viale Aldini. Silvia aveva 39 anni ed era una commercialista. E' stata uccisa dal suo compagno, che ha da subito simulato un allontanamento volontario commettendo, fra l'altro moltissimi passi falsi. I fatti, indimenticabili per la città di Bologna, avvennero nell'estate del 2013 e Caria non ha mai confessato. 

La Corte ha annullato senza rinvio solo l'aggravante della crudeltà, accogliendo il ricorso dell'avvocato difensore Savino Lupo, ma la pena è rimasta quella di 30 anni. All'udienza sono intervenute anche i difensori di parte civile, gli avvocati Federico Canova e Fabio Pancaldi per i parenti di Caramazza e Rossella Mariuz per l'Unione donne italiane.

L'OMICIDIO DEL FREEZER. Il corpo della Caramazza fu rinvenuto in un congelatore, chiuso in un sacco. L'elettrodomestico era sigillato e attaccato alla corrente elettrica e si trovava in una delle camere da letto della casa. Nella camera, vicino alla testa del letto e sui muri vicini, la polizia scientifica aveva rinvenuto alcune macchie di sangue, farmaci e sonniferi. Silvia Caramazza presentava una profonda ferita alla fronte. Era vestita con un abito da casa.

La scomparsa era stata denunciata il 19 giugno da alcune amiche. I sospetti ricaddero fin da subito su Giulio Caria per alcune incongruenze riscontrate nel suo racconto. Nel frattempo si era dato alla macchia. Era stato scovato a fine giugno nelle campagne vicino al suo paese di origine, Berchidda nella provincia sarda di Olbia-Tempio, dove era stata notata la Toyota Yaris grigia che usava Silvia.

   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento