Addio allo storico urbanista di Bologna, morto Giuseppe Campos Venuti

A lui si deve il nucleo di norme che mantennero verdi i Colli attorno Bologna, ma anche fiera e tangenziale

Campos Venuti -a destra- in compagnia del deputato Roberto Morassut

E' morto a 93 anni lo storico urbanista Giuseppe Campos Venuti. L'architetto della Bologna degli anni '60 si è spento nel tardo pomeriggio di ieri. Romano di nascita ma da tempo residente a Bologna e bolognese adottivo Venuti era noto con il soprannome di 'Bubi', ed è stata una delle menti dei piani urbanistici comunali e regionali. Mercoledì 2 ottobre, in accordo con la famiglia, gli si potrà rendere omaggio alla salma presso la sala Tassinari, dalle 11 alle 15.

A Bologna Venuti arrivò nel 1960, come assessore alla urbanistica, e un decennio più tardi ricoprì ruolo analogo nel neonato consiglio regionale dell'Emilia-Romagna. A Venuti si deve soprattutto una importante eredità e cioè quel complesso di norme che tutelano ancora oggi il verde nelle colline attorno a Bologna.

Uomo del pubblico, Venuti è stato consulente urbanistico per numerose amministrazioni. Sempre a partire dagli anni '60 ha impostato altre forme alla città per come è adesso. Progettò l'idea di costituire un polo fieristico nella zona Nord di Bologna -l'attuale quartiere fieristico- e sotto il suo impulso si deve anche la realizzazione della tangenziale di Bologna, oggi argomento di forti dibattiti, ma negli anni del boom economico ritenuta una opera fondamentale.

"Campos Venuti è stato un esponente di punta dell’urbanistica riformista -ricorda il deputato Roberto Morassut -uno dei primi a ricordare Venuti- un attento lettore e studioso delle dinamiche urbane, alla costante ricerca delle soluzioni migliori e più avanzate per affermare le ragioni della città pubblica contro la rendita urbana, il grande nemico dello sviluppo umano e civile delle comunità che in varie forme ne ha distorto e condizionato lo sviluppo".

Sulla scomparsa di Campos Venuti interviene a stretto giro anche il sindaco di Bologna Virginio Merola: "Bologna deve a Giuseppe Campos Venuti le scelte urbanistiche che, ancora oggi, la rendono una città differente, una città migliore. Dobbiamo fare tesoro del suo coraggio riformista e della libertà di pensiero che ha esercitato con tenacia e coerenza. Le mie più sentite condoglianze ai suoi figli e a tutti i familiari, perdiamo una persona che ha fatto bene alla nostra città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

  • Lunga giornata di voto in Regione. Boom alle urne, oltre il 70% a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento