Tensioni al picchetto Granarolo: operai stesi sotto i camion e scontri con le forze dell'ordine

Quando la polizia ha iniziato a sgomberare il picchetto, i manifestanti si sono stesi sotto gli automezzi per continuare a bloccarli. Un operaio e un carabiniere feriti: 'Non daremo tregua ai padroni"

Ancora un volta i facchini hanno bloccato ieri le entrate e le uscite del colosso alimentare per chiedere la riassunzione. Poco dopo le 7, "sono iniziate le operazioni di sgombero del picchetto - scrive il laboratorio Crash - che hanno visto i poliziotti alzare le mani, spingere a scudate e a trascinare a terra gli operai e i solidali" ma "molti operai si sono lanciati sotto i camion che tentavano di entrare o uscire dai magazzini - continua la nota - per continuare a bloccarli".

Ci sono volute ore per "trascinare da sotto i camion i manifestanti e circondarli in una zona poco distante". Un facchino, è rimasto ferito ed è stato trasportato in ospedale (GUARDA IL VIDEO): "Ci sembra che le reazioni isteriche della controparte mostrino che si è vicini ad una prima resa dei conti" e promettono di non fermarsi fino a quando i lavoratori non verranno tutti riassunti "non daremo tregua ai padroni delle cooperative della logistica. Intensificheremo iniziative pubbliche di lotta secondo le necessità del movimento operaio della logistica e aumenteremo le giornate di boicottaggio nazionale contro la Granarolo".

IL QUESTORE. "Da tempo in città si ripetono episodi, all'interno di manifestazioni di protesta, che mettono a repentaglio la sicurezza degli stessi manifestanti e delle forze dell'ordine. Episodi che non dovrebbero accadere, anche perché è nostro auspicio che non si creino fatti più gravi''. Così il questore di Bologna, Vincenzo Stingone, "Stamani c'è stato l'ennesimo episodio: manifestanti si sono stesi, nei pressi dei cancelli della Granarolo, sotto gli automezzi dell'impresa per ostacolarne i movimenti in accesso e in uscita. Nella circostanza, addirittura, un carabiniere è stato morso al braccio, quando insieme ad altri colleghi ha provato a rimuovere i manifestanti in resistenza passiva. Non ci sono stati tafferugli, ma anche questo è un episodio che crea il rischio di incidenti gravi. Come l'altra sera alla manifestazione davanti al Cie. Nessuno nega il diritto di manifestare, soprattutto su temi così sentiti e dibattuti. Ma un conto è manifestare, altra cosa è la violenza. Ed è questa che non deve accadere mai. Come i gesti di provocazione, anche in quella sede rivolti alle forze dell'ordine determinano il rischio di incidenti''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

''Questo non è il diritto di manifestare, questa è violenza, che va evitata a ogni costo. Non è interesse di nessuno, tantomeno delle forze dell'ordine, fomentare il rischio di scontri. La nostra filosofia di intervento è che l'uso della forza e anche dei mezzi di dissuasione è l'ultima delle opzioni possibili per noi. Ma è inevitabile che alla violenza dei manifestanti noi si risponda con gli strumenti consentiti dalla legge. Gli autori delle violenze anche in questa circostanza sono in corso di identificazione e saranno perseguiti puntualmente per legge, come in tutte le altre circostanze''. Anche il fatto che, in presenza di agenti e militari, all'interno di quella manifestazione qualcuno abbia deciso di vergare scritte sui muri del Cie, è un ''gesto ha detto ancora il Questore - che sembra fatto apposta per stimolare una reazione, e dunque scatenare incidenti, per poi dire che sono stati gli agenti a aggredire. Hanno scelto quel momento per farlo, proprio allo scopo di aumentare la tensione''. Ai feriti Stingone esprime ''tutta la propria vicinanza e solidarietà, compreso l'apprezzamento per aver saputo nonostante tutto gestire la situazione mantenendo i nervi saldi, evitando così che la situazione degenerasse".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid e gestione piscine, parrucchieri ed estetisti: siglata nuova ordinanza in Emilia-Romagna

  • Incidente stradale, esce di strada e si schianta contro la recinzione: è grave

  • Tir fermo in autostrada, camionista trovato morto

  • Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino: 44 nuovi casi, un morto a Bologna. Allerta per "focolai di rientro dalle vacanze"

  • Coronavirus, bollettino 6 agosto Emilia-Romagna: +58 casi, nessun decesso. Il numero resta a 4.291

  • Lite per il distanziamento a bordo: sul bus arrivano i Carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento