menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Gratta e Vinci” fortunati: incassa la vincita di 23 biglietti, ma viene denunciata

Nei guai una imprenditrice di Malalbergo. Dalle indagini dei carabinieri è infatti emerso che i biglietti erano di provenienza furtiva. Le giustificazioni accampate dalla donna non sono riuscite ad evitarle una denuncia per furto

Ha incassa la vincita di alcuni “Gratta e Vinci”, che però sono risultati essere di provenienza furtiva. Così una imprenditrice di Malalbergo è finita nei guai, guadagnando una denunciata per furto.

Da quanto si apprende, infatti, la scorsa settimana, il titolare di una tabaccheria di Minerbio aveva sporto denuncia ai carabinieri circa il furto di un blocchetto di “Gratta e Vinci” del valore di 200 euro, che gli era stato asportato da ignoti. Trattandosi di prodotti numerati, gli inquirenti sono riusciti ad intercettarli, apprendendo che qualcuno si era recato presso una tabaccheria di Altedo per incassare 23 biglietti vincenti relativi al pacco rubato.

Ascoltati in merito ai fatti, i titolari dell’esercizio di Altedo ha riferito di aver pagato la vincita a una imprenditrice della zona, poi identificata nella persona denunciata. Quest’ultima, sentita dai Carabinieri, si sarebbe giustificata dicendo di essersi recata presso la tabaccheria di Minerbio per comprare alcuni gadget per la nipote e, uscendo, aveva trovato per terra un pacco di “Gratta e Vinci”.
Se così fosse, è evidente che la tentazione di grattare e scoprirsi milionaria è stata più forte del buon senso di chiedere al tabaccaio se quel pacco di biglietti provenisse dal suo locale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento