Cronaca

Green pass nella mensa della Dozza, Fratelli d'Italia: "Scelta illogica e contraddittoria"

La Casa Circondariale di Bologna, per consentire i pasti al personale che non hanno il Green-pass, sta provvedendo all’allestimento di alcuni gazebo nei pressi della Struttura Penitenziaria. Scatta l'interrogazione Parlamentare

"L’assurdo - sottolineano Francesco Borrelli, responsabile del dipartimento forze dell'ordine a Bologna, il deputato Galeazzo Bignami e il capogruppo della Regione Marco Lisei FDI - è che  poi gli agenti  fanno servizio sugli automezzi per il trasporto dei detenuti e nelle sezioni detentive fianco a fianco. Se serve il green pass allora, deve servire anche per fare servizio e anche a tutte le persone per entrare nell’istituto, compresi familiari, volontari, garanti, avvocati e magistrati. Queste scelte mostrano ancora una volta la scarsa attenzione che c'è nei confronti del personale di polizia penitenziaria per il quale viene sempre serbato un trattamento differente dal personale detenuto, misure che non aiutano certamente ad un clima sereno all'interno degli Istituti detentivi, ed in particolare alla Dozza visti i recenti episodi".

"Sarà cura di FDI presentare una interrogazione Parlamentare, affinché il Ministro della Giustizia disponga la revoca delle disposizioni emanate dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, almeno fino a quando non sono state predisposte adeguate soluzioni organizzative".

Lo dichiarano Galeazzo Bignami e Marco Lisei, Capogruppo di FDI in Regione Emilia - Romagna e Francesco Borrelli, Responsabile Dipartimento Forze dell’Ordine a Bologna  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass nella mensa della Dozza, Fratelli d'Italia: "Scelta illogica e contraddittoria"

BolognaToday è in caricamento