rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca San Donato / Via Argia Magazzari

Guardia di Finanza: inaugurata la nuova sede del Comando Provinciale

Taglio del nastro alla presenza del Comandante Generale delle Fiamme Gialle per la nuova sede, che dopo 27 anni lascia la Ponticella di San Lazzaro per trasferirsi in via Argia Magazzari. Intitolata alla memoria del Sottobrigadiere Vaiani

Con una solenne cerimonia, alla presenza del Comandante Generale della Guardia di Finanza – Gen.C.A. Saverio Capolupo e delle più alte cariche istituzionali felsinee, è stata inaugurata, ieri, la nuova caserma sede del Comando Provinciale e del Nucleo PT di Bologna, intitolata alla memoria del Sottobrigadiere Antonio Vaiani, Medaglia d’Argento al Valor Militare.

Dopo 27 anni di permanenza presso la caserma della Ponticella di San Lazzaro di Savena, le crescenti esigenze logistiche dei Reparti interessati hanno indotto il Corpo ad individuare una nuova sede in Bologna, via Argia Magazzari n. 9 (quartiere di San Donato), rilevando la ex caserma “Battistini”, dismessa dall’Esercito Italiano. La nuova allocazione permetterà di conseguire un rilevante risparmio per l’erario relativo alle spese di affitto e di gestione.

Taglio del nastro per la nuova caserma delle Fiamme Gialle

Nel corso della cerimonia, il Comandante Generale, dopo un indirizzo di saluto del Comandante Provinciale – Gen.B. Virgilio Pomponi - ha evidenziato come l’inaugurazione della nuova caserma costituisca un segno tangibile della presenza del Corpo in un contesto territoriale – come quello bolognese – che si distingue oltre che per la rilevanza economicosociale anche per la sua grande sensibilità nell’adempimento degli obblighi fiscali.
Il Gen.C.A. Capolupo ha voluto, quindi, sottolineare come la figura di Antonio Vaiani costituisca per le generazioni attuali e future, un inestimabile patrimonio morale e modello di riferimento nell’agire quotidiano per le fiamme gialle bolognesi e per tutti i cittadini. Nella scheda allegata viene descritta sinteticamente la figura del militare.

IL SOTTOBRIGADIERE ANTONIO VAIANI. Militare del Corpo originario della provincia di Bologna che ha preso parte attiva alla guerra di liberazione nel Friuli Venezia Giulia inquadrato nella Brigata partigiana Osoppo. Il fatto d’arme, per il quale è stata concessa la medaglia d’argento al Valor Militare, è avvenuto nel maggio del 1945, quando Vaiani guidò un durissimo scontro con una colonna germanica in ritirata scortata da mezzi corazzati che, lungo la strada che porta a San Martino al Tagliamento, stava iniziando a rivolgere le armi pesanti contro le prime case del paese. La lotta, condotta da un piccolo gruppo di partigiani
per 10 ore sotto il costante incitamento del militare, si concluse con la ritirata in disordine del reparto germanico, che ebbe sul campo ingenti perdite di uomini e materiali. Rientrato nei ranghi del Corpo, per altri 30 anni svolse, con passione e dedizione, attività di polizia tributaria investigativa – oggi polizia economico-finanziaria – conseguendo importanti risultati di servizio in materia di anticontrabbando, di contrasto all’esportazione illecita di capitali, evasione delle imposte dirette, indirette e sugli oli minerali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guardia di Finanza: inaugurata la nuova sede del Comando Provinciale

BolognaToday è in caricamento