rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Mobili usati ed elettrodomestici agli enti no-profit: oltre 100 tonnellate nel bolognese

Gli enti bolognesi coinvolti sono Amici di Piazza Grande, l'Opera Padre Marella e la Cooperativa sociale La Fraternità di Ozzano, che per questo servizio hanno ricevuto oltre 3 mila telefonate per il ritiro di 4.400 rifiuti ingombranti in buono stato

Il programma di riuso di mobili ed elettrodomestici, a cui collaborano 15 enti no-profit del territorio, ha portato al recupero di oltre 824 tonnellate di divani, armadi e televisori con un “finale“ diverso e solidale.

Da marzo 2014 Hera ha avviato “Cambia il finale”, iniziativa attiva in 76 comuni, realizzata in collaborazione con Last Minute Market e 15 enti no-profit del territorio dell’Emilia-Romagna in cui opera la multiutility. 

Il servizio di ritiro a domicilio, gratuito, è nato allo scopo di dare nuova vita agli oggetti ancora utilizzabili, come mobili ed elettrodomestici, favorendo il circuito virtuoso e solidale del riuso, in cui sono spesso impegnate persone svantaggiate, riuscendo a contrastare, al contempo, il fenomeno del loro abbandono sul suolo pubblico.

824 tonnellate corrispondono a oltre 170 mezzi adibiti al servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti circolanti a pieno carico. Nell’area di Bologna, dall’avvio del progetto nel marzo 2014 fino a giugno 2015, sono state avviate al riuso 102 tonnellate di mobili ed elettrodomestici. Gli enti bolognesi coinvolti sono Amici di Piazza Grande Onlus di Bologna, l’Opera di Padre Marella e la Cooperativa sociale La Fraternità di Ozzano, che per questo servizio hanno ricevuto oltre 3 mila telefonate per il ritiro di 4.400 rifiuti ingombranti in buono stato.

COME FUNZIONA. I cittadini che devono liberarsi di un rifiuto ingombrante possono chiamare il Servizio Clienti Hera (800.999.500 gratis da rete fissa, 199.199.500 da cellulare, a pagamento come da contratto telefonico Dell’utente) per prenotare il ritiro a domicilio, gratuito. Se il rifiuto è ancora in buone condizioni e informa sulla possibilità di aderire al progetto Cambia il finale per riutilizzare i materiali anziché buttarli, in tal caso, se il cittadino è interessato, fornisce i dettagli per contattare gli enti no-profit della propria città, disponibili al riutilizzo degli ingombranti. Il cittadino può quindi contattare direttamente le associazioni e concordare le modalità operative per il ritiro o la consegna degli ingombranti. Gli enti partner si sono impegnati a recuperare i materiali secondo modalità definite da ciascuno e dettagliate nel sito dedicato all'iniziativa www.gruppohera.it/cambiailfinale

È inoltre possibile donare agli enti no profit anche oggetti di uso quotidiano, come soprammobili, libri, giochi per bambini, non più utilizzati e che purtroppo talvolta vengono gettati nei cassonetti dell’indifferenziato. Quando il rifiuto non è riutilizzabile, invece, il Servizio Clienti di Hera fornisce al cliente indicazioni per la consegna alla stazione ecologica più vicina oppure, nei comuni dove il servizio è attivo, prende appuntamento per il ritiro gratuito dei rifiuti ingombranti fornendo le istruzioni per la consegna.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobili usati ed elettrodomestici agli enti no-profit: oltre 100 tonnellate nel bolognese

BolognaToday è in caricamento