rotate-mobile
Cronaca

Virus HIV: Emilia-Romagna tra le regioni più colpite

La Lombardia insieme a Lazio, Emilia Romagna e Liguria detengono il triste primato. La maggioranza delle nuove diagnosi di infezione da HIV è attribuibile a rapporti sessuali senza preservativo

Sono 4mila nuovi casi ogni annoc che riguardano soprattutto i giovani. E' quanto emerge dai dati di SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali. 

La Lombardia, con circa 20mila persone sieropositive, è tra le regioni italiane più colpite,  insieme a Lazio, Emilia Romagna e Liguria. In Italia sono 120.000 le persone che convivono con l’HIV: a fronte di un importante calo della mortalità grazie alle terapie, si segnala una drastica riduzione dell'informazione in merito.

I nuovi casi, circa uno ogni 2 ore, negli ultimi due anni riguardano soprattutto giovani tra i 25 e i 29 anni, di questi il 60% avviene in una fase tardiva di infezione.  
 
Secondo il Bollettino del Centro Operativo AIDS dell’Istituto Superiore di Sanità, la maggioranza delle nuove diagnosi di infezione da HIV è attribuibile a rapporti sessuali senza preservativo, che costituiscono l’84.1% di tutte le segnalazioni (eterosessuali 43.2%; omosessuali MSM 40.9%). Il 27.1% (1 su 4) delle persone diagnosticate come HIV positive è di nazionalità straniera. Il 37% degli italiani non si è mai sottoposto al test HIV e il 5% delle persone che vivono con HIV non lo ha mai detto al proprio partner. Il 40% delle persone sieropositive non rivela ai familiari di aver contratto il virus e il 74% non lo dichiara nel contesto lavorativo.
 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Virus HIV: Emilia-Romagna tra le regioni più colpite

BolognaToday è in caricamento