rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Via Enrico Mattei

Migranti, hub via Mattei si svuota e chiude per lavori: 'E i lavoratori che fine fanno?'

Ristrutturazione per il centro di smistamento. Dopo il taglio alle risorse problemi con i bandi per l'accoglienza. Cgil: 'Chi ci lavora va tutelato'

Colpo di scena nella gestione dell'hub migranti di via Mattei. La prefetta Patrizia impresa ha dichiarato in una intervista alla stampa locale che il centro di smistamento dei migranti chiude per lavori. Gli attuali ospiti, circa 200 persone verranno smistate in altre zone del Paese. Le prime reazioni arrivan dalla Cgil, che si chiede quale sarà il destino dei lavoratori ancora impiegati nella struttura.

"Già apprendere dai giornali che, su indicazione del ministero, la struttura verrà chiusa per un periodo indefinito fin dai prossimi giorni, le persone accolte trasferite, lo riteniamo un fatto gravissimo. I lavoratori che fine faranno? Gli interventi per mettere in sicurezza la struttura sono necessari e probabilmente dovuti ma consideriamo il metodo anomalo e preoccupante". Quindi dalla Cgil prima esprimono dubbi e perplessità: "Possibile che nessuno abbia pensato a coloro che da anni garantiscono quotidianamente l'attività all'interno della struttura di via Mattei? Non è pensabile che gli interventi siano stati decisi in due giorni, vista la nota burocrazia che sta dietro a queste necessità". E poi i sindacalisti attaccano: "Stiamo invece pensando che la strategia sia quella di smantellare in tutti i modi possibili tutto ciò che in questi anni si è orgogliosamente costruito sul territorio per l'accoglienza, l'integrazione e il rispetto dei diritti dei migranti. I bandi sono andati deserti, l'opposizione al decreto Salvini, al di là delle dichiarazioni del ministro, è nei fatti presente e la situazione, al di là della propaganda sta ponendo problemi non indifferenti". A questo punto, concludono, "per quel che ci riguarda, se gli interventi di ristrutturazione sono necessari, la continuità reddituale di quei lavoratori deve essere garantita. In queste ore chiederemo un tavolo di confronto con tutti i soggetti coinvolti: prefetto, istituzioni, centrali cooperative, cooperative coinvolte".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, hub via Mattei si svuota e chiude per lavori: 'E i lavoratori che fine fanno?'

BolognaToday è in caricamento