menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Hub via Mattei, Sap: 'Due agenti per 800 persone'

Il segretario del sindacato di Polizia Sap, in visita al centro assieme a Lucia Borgonzoni e al parlamentare Molteni, denuncia la mancanza di personale di Polizia dentro la struttura

La situazione dell'Hub di via Mattei, a Bologna, e' "drammatica" anche perché all'interno "ci siano 800 persone con soli due operatori di Polizia che devono controllare in parte gli ingressi" ed eventualmente "far fronte a problemi di ordine pubblico".

E' la segnalazione firmata dal segretario del Sap, Gianni Tonelli, che oggi ha effettuato un sopralluogo nella struttura insieme ad una delegazione della Lega nord. A Bologna "mancano mille operatori delle forze dell'ordine" e dunque, afferma Tonelli, "diventa difficile scegliere tra una pattuglia in più per la citta'" oppure per l'Hub: "E' un ricatto morale che ci viene posto come sindacato al quale facciamo fatica a dare una risposta".

Di certo quella di via Mattei "rimane una situazione a rischio, per quanto lo sia meno di altre strutture perché (i profughi, ndr) rimangono soltanto una settimana e sono in attesa di collocamento, quindi anche l'animo può essere abbastanza sereno". Un presidio però va comunque garantito e questo deve fare i conti con "la caduta verticale della sicurezza in città negli ultimi dieci anni- dichiara il segretario del Sap- dovuta ad un incapacità del sistema a farvi fronte perché le volanti sono il 40% sul territorio, così come le attività investigative e quant'altro".

Anche il parlamentare leghista Nicola Molteni approfitta della visita all'Hub per "spezzare una lancia a favore delle forze di Polizia, che devono presidiare questo centro in numero assolutamente ridotto rispetto alle necessita'". E in più, "è sintomatico che in un periodo caldo come questo ci siano alcuni edifici della Polizia di Stato e locale che non hanno l'aria condizionata- rileva Molteni- e poi ci sono decine di strutture (destinate ai profughi, ndr) che ce l'hanno".

La consigliera comunale Lucia Borgonzoni riferisce così quanto affermato dagli stessi agenti in servizio all'Hub: "Se succede qualcosa, quando vediamo una rissa dobbiamo chiamare altre persone e rinforzi perché vengano, perché con due su 800 un intervento diventa impossibile". Per Borgonzoni, intanto, "andrebbe aperto un fascicolo su tutti questi ragazzotti 'firmati' dalla testa ai piedi, che hanno telefonini di ultima generazione", per capire come fanno ad acquistare vestiti e cellulari.

Bisognerebbe far luce su questo aspetto ma "se per caso si volesse fare un controllo- aggiunge Borgonzoni- per vedere se nelle strutture c'è refurtiva o altro, scoppierebbe l'inferno" vista la carenza di agenti. Intanto il Pd, con il responsabile Enti locali Sergio Maccagnani, assicura che si farà la direzione tematica sull'immigrazione, prevista e poi rinviata per motivi tecnici "e non ancora nuovamente calendarizzata per l'impossibilità di incrociare le disponibilità dei due relatori previsti, la Vice Presidente della Regione Elisabetta Gualmini e il sindaco metropolitano Virginio Merola". Garantisce Maccagnani: "In ogni caso, compatibilmente con le prossime scadenze politico-organizzative, confermiamo l'impegno ad organizzare un momento di approfondimento del Pd su una delle questioni piu' rilevanti del nostro tempo". (Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento