Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riapre l'hub di via Mattei, presidio in Prefettura: "Non voglio andarci, se vado perdo il lavoro"

Usb e Adl Cobas in piazza Roosevelt per chiedere chiarimenti sulla gestione di operatori e migranti

 

Un presidio davanti alla Prefettura affianco ai migranti che saranno trasferiti in via Mattei - dove è stato riaperto l'ex hub, ora centro di accoglienza straordinaria - e per conoscere il destino dei lavoratori e delle lavoratrici occupati nei servizi dell'accoglienza diffusa che, dopo il decreto Salvini sull'immigrazione, hanno visto peggiorare sempre di più le proprie condizioni di lavoro.

Ad oggi, i lavoratori direttamente coinvolti sono circa 25, ma le stime dei sindacati sono maggiori: su 700 operatori della provincia, almeno la metà rischia di perdere il lavoro. 

"In questi giorni è stata aggiudicata una gara per negoziazione diretta con gli attuali gestori dei Cas nel territorio alle tariffe del decreto Salvini - afferma Fabio Perretta di Usb - cosa che finora si era evitata con la disertazione dei bandi da parte delle cooperative. Chiederemo anche questo: sulla base di quali tariffe sono state aggiudicate queste gare? Il fatto che i migranti rifiutino di trasferirsi, poi, significa perdere diritti?".

Dl Sicurezza: cosa prevede la legge voluta da Salvini

I primi a essere trasferiti, come affermato qualche giorno fa dalla prefetta di Bologna, Patrizia Impresa, saranno appunto quelli che escono dai centri dove non è stato rinnovato il contratto. Poi il centro ospiterà gradualmente 200 persone.

Riapertura via Mattei

Lo scorso 30 ottobre si è chiuso il bando della Prefettura per la gestione che è stata aggiudicata alla coop sociale L'Arcolaio (la stessa che gestiva la struttura in precedenza). 

"La recente notizia della riapertura immediata dell'ex Hub come grande Cas - scrivono Usb e Adl Cobas - a discapito delle pratiche di accoglienza diffusa, non fa chiarezza sulle modalità e sulle tempistiche con le quali verrà portata avanti questa operazione. La nota resa pubblica dalla Prefettura in data 28 ottobre si limita a comunicare che l'affidamento del Centro Mattei va dal periodo compreso tra il primo novembre scorso e la fine di ottobre 2020".

"La riapertura dell'ex Hub non risponde al bisogno di garantire condizioni migliori e percorsi di integrazione ai richiedenti asilo e ai rifugiati, già accolti in altre strutture di accoglienza presenti sul territorio bolognese, ma piuttosto a quello di ribadire ancora una volta, come accaduto a Giugno, che le vite dei e delle migranti non hanno nessuna dignità", continuano.

il prossimo 14 novembre è convocato un tavolo metropolitano dove sul tema dell'accoglienza e delle problematiche occupazionali e del lavoro. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento