menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Feher in tribunale (Foto: Ansa)

Feher in tribunale (Foto: Ansa)

Omicidi in Spagna, arriva la condanna per Igor

Feher giudicato dalla giuria popolare, che si è espressa all'unanimità. I casi riguardano i delitti avvenuti poco prima della cattura del killer di Budrio in territorio iberico

Il massimo della pena, anche se in Spagna non esiste l'ergastolo. Spetterà al giudice dell'audiencia provinciale di Teruel disporre la condanna deifnitiva, ma per Norbert Feher, alias Igor il russo, 39enne cittadino serbo, noto nel Bolognese come il killer di Budrio, i giudici popolari hanno chiesto all'unanimità il carcere permanente rivedibile.

La condanna riguarda tre omicidi, consumatisi la sera prima della rocambolesca fuga di Feher dal luogo dei delitti, finendo poi catturato dalla polizia spagnola nelle campagne aragonesi della provincia di Teruel, nella regione autonoma dell'Aragona, dopo mesi e mesi di latitanza.

I delitti in questione risalgono al 2017, in Aragona. Si tratta dell'uccisione deli agenti della Guardia Civil Vctor Romero, 30 anni, e Vctor Jesús Caballero, 38 anni, a Teruel, e dell'allevatore 40enne José Luis Iranzo, freddati mentre Igor si stava nascondendo in una stalla durante la fuga verso la provincia valenciana.

La condanna all'ergastolo che lo aspetta in Italia

Un analogo verdetto è stato emesso anche in Italia, dove Feher è stato processato contumace. La Corte di assise di appello di Bologna nel maggio 2020 ha confermato la pena massima er Feher, che si rese responsabile di due omicidi avvenuti nell’aprile 2017.  Il primo, a Budrio, ebbe come vittima Davide Fabbri. Il secondo, avvenuto solo pochi giorni dopo, costò la vita alla guardia ecologica Valerio Verri. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I Giardini Margherita, tra tesoretti e sorprese inaspettate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento