Cronaca

Conferme dalla Spagna: le pistole di Igor rubate nel ferrarese

Rubate alla guardia giurata Di Marco e all'agente di polizia provinciale Ravaglia, ferito nell'agguato in cui fu ucciso Valerio Verri. A Roma intanto si esamina il suo computer

Le due pistole sequestrate a Igor-Norbert Feher in Spagna sono state rubate il 30 marzo a Consandolo di Argenta (FE), alla guardia giurata Piero Di Marco e l'8 aprile all'agente di polizia provinciale Marco Ravaglia, ferito nell'agguato a Portomaggiore in cui fu ucciso il volontario Valerio Verri.

Come rivela l'agenzia Ansa, la conferma è arrivata alla Procura di Bologna dai magistrati iberici. Nessuna traccia dell'arma sottratta il 30 dicembre del 2015 al metronotte Salvatore Chianese, a Ravenna, un altro delitto per cui è indagato. Gli investigatori bolognesi, coordinati dal Pm Marco Forte, attendono l'ok per l'autorizzazione a interrogarlo in Spagna.

Qualche giorno fa, davanti alla corte di assise di appello di Bologna, nel processo per l'omicidio del pensionato ferrarese Pier Luigi Tartari, uno degli imputati, Patrick Ruszo, lo aveva accusato del delitto, dichiarando che nell'agguato a Tartari, a ottobre del 2015, non erano in tre, ma in quattro.

Oggi a Roma è previsto l'esame di un vecchio computer di 'Igor', oggetto che ebbe in uso fino al 2015 e recentemente consegnato agli inquirenti da un conoscente dell'indagato. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conferme dalla Spagna: le pistole di Igor rubate nel ferrarese

BolognaToday è in caricamento