Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lamborghini, diritti e giustizia: tutti in piedi per Ilaria Cucchi

La sorella di Stefano Cucchi e il suo legale Fabio Anselmo in assemblea con i lavoratori

 

I lavoratori della Lamborghini di Sant'Agata Bolognese sanno benissimo chi è Stefano Cucchi; geometra romano 32enne morto nel 2009 all'ospedale, mentre era sottoposto a custodia cautelare. Sei giorni prima i carabinieri lo avevano arrestato per detenzione di droga.

Oggi in assemblea con loro c'era sua sorella, Ilaria Cucchi, invitata da Fim Cisl e Fiom Cgil per parlare di diritti e Costituzione nell'ambito delle assemblee organizzate a cavallo tra il 25 aprile e il primo maggio.

Una standing ovation per Ilaria Cucchi e per la sua ricerca di verità. Di giustizia. Come raccontato dal segretario Fiom-Cgil di Bologna Michele Bulgarelli, durante le assemblee (a porte chiuse) tutti i lavoratori si sono alzati in piedi ad applaudire.  

"Sono venuta a portare Stefano in questa realtà e ne esco arricchita. È una realtà fantastica, soprattutto sotto il profilo umano - afferma Cucchi - ricevere l'applauso e la solidarietà di tutte queste persone è una cosa enorme. Non posso non voltarmi indietro e pensare da dove siamo partiti: eravamo soli, io e Fabio, oggi siamo diventati tanti. Siamo folla".

"Anche la direzione aziendale ha voluto esserci, darci il benvenuto, in un clima di condivisione di temi che oggi è merce rara", aggiunge Fabio Anselmo, legale della famiglia Cucchi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento