menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Unibo annulla party blasfemo. Arcidiocesi: "Libertà pensiero, ma senza offese"

Collettivi in protesta. La Laega aveva messo all'indice l'iniziativa. Sul caso anche Salvini: "Una vergogna"

Sull'onda della polemica, l'Università di Bologna "ha trovato un cavillo burocratico per annullarci l'iniziativa". A renderlo noto è il collettivo La Mala educacion, uno degli organizzatori della festa - 'Immacolata contraccezione' - di questa sera in Ateneo considerata "blasfema" da alcuni esponenti leghisti, tra cui il leader Matteo Salvini e il senatore Simone Pillon, che hanno chiesto l'intervento del rettore Francesco Ubertini.

"E noi che credevamo di essere in uno Stato e una Università laici- commenta il collettivo- dove poterci esprimere, anche provocatoriamente come ci insegnano i movimenti lgbt e trans-femministi, senza incorrere in censura, bigottismo e repressione. Ci viene infatti difficile immaginare una motivazione legittima per opporsi ad iniziative che portano all'interno dei nostri luoghi i temi della sessualita' consapevole, della contraccezione gratuita, della liberazione dei corpi e dei femminismi".

Il collettivo annuncia però una manifestazione di protesta. "Non ci faremo fermare da ridicole minacce e beceri post di violenti bigotti- afferma La Mala educacion- oggi dalle 13 in poi ricorderemo a chiunque sia spaventato dalla nostra azione politica in Università che la censura non ci ferma. Quindi muniamoci di preservativi, pillole o qualunque contraccettivo vi venga in mente (o meglio della loro versione fotografica) e infestiamo le bacheche online e le mente dei cattivoni bigotti con qualcosa con cui non hanno molta familiarità".

L'Arcidiocesi: "Libero pensiero, ma senza offese"

" Libertà di pensiero, senza offese". Così l'Arcidiocesi di Bologna, che in una nota sottolinea: "La provocazione diffusa in queste ore dalla promozione di un evento e di una immagine irriguardose nei confronti della Madonna è stata tale da determinare, a quanto pare, l’annullamento per l’offesa al sentimento comune. Infatti il buon senso vuole che vi siano libertà di pensiero, libera circolazione di idee e di pubblica manifestazione senza ledere e offendere la sensibilità popolare. Questo è quanto garantito anche dall’ordinamento italiano che riconosce i diritti purchè non offendano e ledano quelli altrui, compreso il vilipendio alla religione".

Poi sulla laicità dello Stato, la Chiesa di Bologna, risponde: "lvuole anche dire che quando si organizzano momenti comuni di festa o riflessione ciò avvengano senza prevaricare e offendere. La Chiesa, libera da qualunque strumentalizzazione politica, da sempre educa alla libertà e al rispetto e domenica 8 dicembre festeggerà, con la consueta partecipazione popolare, l’Immacolata Concezione senza offendere gli altri e le loro credenze."
 

Salvini e Lega vs il party 'blasfemo'

"Questa non è satira, questa è una vergogna". Così il leader della Lega, Matteo Salvini, sulla festa. Già ieri alcuni esponenti del Carroccio, come il senatore Simone Pillon, si erano scagliati contro il party considerato blasfemo, soprattutto per la locandina che raffigura la Madonna circondata da una pioggia di preservativi, chiedendo l'intervento del rettore Francesco Ubertini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

8 Marzo: 5 donne "speciali" che hanno fatto la storia di Bologna

social

Sanremo: la scaletta della finale del Festival

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento