Rissa in campo a Imola: due calciatori in ospedale, partita sospesa

Per un calciatore della squadra di casa, 40 giorni di prognosi per una frattura mandibolare

Si sono picchiati durante una partita del campionato provinciale juniores. E' accaduto il pomeriggio del 4 maggio al centro sportivo “Nicola Calipari” di Imola, durante la partita Tozzana Pedagna vs Crevalcore. 

Dopo una violenta rissa scoppiata in campo, due calciatori della squadra di casa sono finiti in ospedale, uno con 40 giorni di prognosi per una frattura mandibolare e l'altro con 15 giorni per escoriazioni varie. La partita è stata sospesa e sul posto sono intervenuti i Carabinieri del Nucleo Radiomobile che indagano sull'accaduto. Al momento non è stata presentata alcuna denuncia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il precedente

Gli scontri durante una partita tra Medicina-Fossatone e Giovane Cattolica 1923 (campionato Eccellenza, girone B), hanno portato a marzo scorso all'emissioni di sei a carico di altrettanti tifosi, a seguito degli scontri avvenuti al campo "Bambi" di Medicina. 

Scontri tra tifosi basket, ferito a una mano: denunce e Daspo per otto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

Torna su
BolognaToday è in caricamento