Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Imola, parapiglia al Pronto Soccorso: 26enne perde la testa e finisce agli arresti

Ha dato in escandescenza quando i sanitari di turno si sono rifiutati di somministrare degli psicofarmaci, poi ha aggredito i Carabinieri

Foto archivio

I Carabinieri della Compagnia di Imola  hanno arrestato un 26enne imolese per resistenza a pubblico ufficiale, denunciandolo per interruzione di servizio pubblico. Domenica sera all’interno del Pronto Soccorso dell’Ospedale Santa Maria della Scaletta, il giovane aveva dato in escandescenza quando i sanitari di turno si erano rifiutati di somministrare degli psicofarmaci. Il 26enne, violento e aggressivo, stava mettendo in agitazione anche gli altri pazienti, così sono stati chiamati i Carabinieri.

Molesta una donna al Pronto Soccorso: agente lo incontra e lo fa arrestare

Quando i militari sono arrivati sul posto, il 26enne se l’è presa anche con loro, prima, mettendoli in guardia, con frasi del tipo: “...Quando ero in carcere, neanche cinque Agenti della Penitenziaria riuscivano a tenermi fermo, figuratevi voi che siete in due…”, poi ha menato calci e pugni. Ritenuto socialmente pericoloso e gravato da precedenti di polizia per furto, armi e rapina, è stato ammanettato e rinchiuso in camera di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto. I due Carabinieri intervenuti sono rimasti feriti, in modo lieve, a causa dei colpi ricevuti. Ieri mattina, in sede di rito direttissimo, presso l’Ufficio del Giudice del dibattimento – Tribunale di Bologna, l’arresto è stato convalidato e il giovane, rimesso in libertà, è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione giornaliera alla polizia giudiziaria.  
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imola, parapiglia al Pronto Soccorso: 26enne perde la testa e finisce agli arresti

BolognaToday è in caricamento