Cronaca

Scuole libere dalla plastica: a Imola il progetto funziona. Raccolti 3 mila euro per le borracce destinate ai nuovi iscritti

L'iniziativa è partita grazie all'associazione Futurimola, formata da soli ragazzi e ragazze, rappresentanti d'Istituto delle scuole superiori

Si chiama Futurimola aps ed è un'associazione formata da soli ragazzi e ragazze, rappresentanti d'Istituto delle scuole superiori di Imola, i quali, quasi due anni fa, si sono posti come primo obiettivo quello di ridurre il consumo di plastica nelle scuole, eliminando cosi l'uso delle bottigliette che vengono consumate a centinaia, ogni giorno, solamente nelle scuole della città e che, al termine della loro breve vita, finiscono nella spazzatura causando problemi legati ai rifiuti e soprattutto all'ambiente.

Oltre 5 mila borracce in alluminio distribuite nelle scuole per evitare la plastica 

Nel corso dell’anno scorso il progetto è stato portato a termine con successo, grazie anche, e soprattutto, all’appoggio dell’Avis Provinciale di Bologna, all’Avis Comunale di Castel Guelfo e alla BCC ravennate, forlivese, imolese che insieme agli studenti delle scuole superiori hanno appoggiato il progetto, dimostrando, nonostante la pandemia in corso, una forte sensibilità e una grande attenzione all’ambiente. In questo modo, oltre 5.000 borracce di alluminio sono state distribuite all’interno delle scuole all’inizio dell’anno scolastico 20-21.

Nel corso di quest’anno, nonostante le difficoltà legate alla didattica a distanza e alla situazione scolastica tutto fuorché “normale”, tutti noi Rappresentanti abbiamo deciso di non fermarci: "Era un nostro dovere portare avanti questo progetto, un impegno che oltre un anno fa abbiamo preso nei confronti dei nostri studenti, delle nostre scuole, dei nostri primi sostenitori, e soprattutto, nei confronti dell’ambiente" fanno sapere dall'associazione. 

"E’ stato proprio questo senso del dovere a spingerci ad andare avanti. In noi correva la paura che se ci fossimo fermati, il messaggio non sarebbe passato correttamente.  Abbiamo così deciso di ripeterci, anche quest’anno, con la speranza che l’impegno preso possa tramandarsi negli anni, da Rappresentante a Rappresentante. Questa volta si è trattato di una raccolta fondi rivolta esclusivamente agli studenti, attraverso la vendita del merchandising scolastico, come felpe e magliette, con l’obiettivo di raccogliere oltre 3.000 euro e donare una borraccia in Acciaio Inox a tutti i nuovi iscritti alle classi prime degli Istituti superiori Imolesi nell’anno 2’21-2022.

Dopo il successo della raccolta fondi il progetto continua 

"Siamo oggi fieri di comunicarvi che questo obiettivo è stato centrato e con grande soddisfazione possiamo annunciare che il progetto Scuole imolesi libere dalla plastica continuerà. Ci teniamo a ringraziare tutti gli studenti che, anche quest’anno, hanno sostenuto l’iniziativa e a tutti i Presidi dei nostri Istituti che ci hanno permesso di portare avanti tutti i progetti nonostante le numerose restrizioni imposte dal Covid-19. Ci auguriamo, fiduciosi, che questo non sarà l’ultimo anno di vita per questo progetto, ma che i Rappresentanti d’Istituto che ci succederanno avranno la sensibilità necessaria per portarlo avanti insieme a tutti i progetti avviati dall’associazione Futurimola aps all’interno delle scuole".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole libere dalla plastica: a Imola il progetto funziona. Raccolti 3 mila euro per le borracce destinate ai nuovi iscritti

BolognaToday è in caricamento