Cronaca

"Nè carne, nè pesce": Vegani ai fornelli, il nuovo programma Sky da Imola

In onda tutti i martedì su Gambero Rosso Channel di SKY è realizzato dalla imolese Sonne Film, fondata nel 2010. A colloquio con la conduttrice Lara Rongoni: "Vegerariani, mangiare triste è una leggenda!"

Lara Rongoni

Tutta sul mondo vegan e vegetariano, si chiama "Nè carne nè pesce”. In onda su Gambero Rosso Channel è condotto dal cuoco vegan Paolo Petralia e da Lara Rongoni, autrice e produttrice di documentari. Oltre a ricette, accorgimenti e trucchetti, invitano personaggi, più o meno famosi, vegetariani o vegani, a raccontare la loro esperienza per poi realizzare una ricetta, con una giuria di "carnivori" a dare da il responso.

In onda tutti i martedì è realizzato dalla imolese Sonne Film guidata da Giangiacomo De Stefano, documentarista e realizzatore di video per canali satellitari e istituzioni, e dalla stessa Lara Rongoni, formazione Dams Cinema e una carriera da filmaker.

Facciamo "quattro chiacchiere" con la conduttrice e autrice Lara:

Com'è nata l'idea della trasmissione? Io e Giangiacomo, l’altro autore, oltre ad essere vegetariani da una vita, abbiamo una casa di produzione che realizza prevalentemente documentari. Quest’anno ad esempio ne abbiamo realizzati un paio per la RAI a carattere storico , “L’eresia dei Magnacucchi” e “I mostri di Balsorano”, e  un documentario sul mondo del lavoro dal punto di vista femminile con un cameo di Franca Rame “A casa non si torna”. Era da tempo che pensavamo a qualcosa sul mondo dei vegetariani e dopo qualche trattativa con alcuni canali, abbiamo trovato porte spalancate al Gambero rosso che ha capito l’importanza del progetto.

Lei è vegana o vegetariana? Io sono vegetariana e non bevo latte vaccino, uso latte di soia o riso e mi limito nell’ utilizzo di formaggi, soprattutto a casa.

Quando e perché questa scelta? Sono sempre stata tendenzialmente vegetariana, credo di non aver mai mangiato una bistecca in vita mia. Poi col crescere della mia consapevolezza, per me essere vegetariana infatti  è una scelta etica, ambientale ed anche salutare, ho eliminato il mondo animale dalla mia alimentazione. Al di là delle mie scelte personali, credo che ridurre l’apporto di carne e pesce sarà comunque un passo  obbligato per tutti: è impensabile continuare una produzione così intensiva per sempre. Tendenzialmente sono molto golosa e abbastanza esigente ma devo dire che, soprattutto a Bologna come nel caso del ristorante Zenzero  o della gelateria Stefino per esempio, ho mangiato davvero benissimo. La credenza che essere vegetariani sia mangiare triste è una leggenda! Si possono mangiare cose gustose, anzi si deve, perchè come dice Pietro Leemann  (chef stellato del Joia di Milano) la cucina non deve essere sacrificio, ci si deve alzare da tavola felici. 5.

In che cosa il vostro programma differisce dagli altri di cucina? Non  parla solo di cucina ma anche di cultura. Abbiamo incontrato per esempio Massimo Montanari ( docente di Storia medievale e Storia dell'alimentazione all'Università di Bologna - ndr) che ci ha raccontato dei risvolti culturali del fenomeno vegetariano molto interessanti. Nelle interviste agli ospiti, come con il geologo Mario Tozzi o con il drammaturgo Moni Ovadia, abbiamo cercato di raccontare anche le motivazioni che stanno alla base della scelta vegetariana. Infatti lei motivazioni sono molteplici, animaliste, ambientaliste, salutari e anche religiose e noi abbiamo cercato di raccontarle tutte.

Un giudizio sulle trasmissioni di cucina... Tendenzialmente ammetto di essere vittima dei programmi di cucina. Come dicevo sono golosa…. Devo ammettere , però, che ci sono alcune trasmissioni che faccio davvero fatica a digerire, ma non perchè sia vegetariana, ma proprio perchè talmente estreme da provocarmi fastidio. Due esempi: “Unti e bisunti”, nonostante mi piaccia molto il conduttore, la scelta alimentare è veramente estremizzata, a volte mi risulta rivoltante, stessa cosa per “Man vs Food”, il conduttore l’ho visto addirittura rigettare. Davvero troppo.

La vostra Sonne Film ha altri progetti televisivi per il prossimo futuro? Sicuramente ci piacerebbe realizzare una seconda serie di “Nè carne nè pesce”, ci sono ancora tante città da visitare ed argomenti da trattare. Per ora in cantiere ci sono progetti più cinematografici ma abbiamo anche un paio di progetti interessanti che stiamo sviluppando per la TV… chissà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nè carne, nè pesce": Vegani ai fornelli, il nuovo programma Sky da Imola

BolognaToday è in caricamento