Incendio in officina, vanno a fuoco venti auto: paura per bombole gas

Distrutto l'edificio. L'intervento dei vigili del fuoco ha richiesto diverse ore

Grosso incendio nel tardo pomeriggio di ieri a Castel di Casio, nell'Appennino bolognese. Una intera autofficina con una ventina di auto è andata bruciata. Sul posto sono arrivati anche i Carabinieri, per stabilire le cause dell'incendio: da un primo riscontro si tratterebbe di un incendio partito accidentalmente. L'intervento dei vigili del fuoco, arrivati sul posto in forze, ha richiesto diverse ore di lavoro.

Lo stabile che ospitava l'impresa è andato completamente bruciato, mentre è seriamente danneggiato un deposito di materiali edili adiacente. Paura anche per alcune bombole di acetilene (gas utilizzato per le operazioni di saldatura, ndr) e per altre bombole di Gpl, alloggiate in diverse vetture bruciate. Sul posto anche una squadra di tecnici Enel per verificare lo stato degli impianti elettrici nelle adiacenze. Leggermente ferito il titolare dell'officina, un 50enne, che con un estintore ha tentato invano di spegnere le fiamme nei primi momenti dello scoppio del rogo. Se la caverà con sette giorni di prognosi. 

Incendio a Castel di Casio, fiamme devastano autofficina, le immagini | VIDEO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento