Inchiesta riders, carabinieri al lavoro anche a Bologna

I militari impegnati in diverse città con interviste mirate ai ciclofattorini delle consegne per conto di alcuni portali web di prenotazione di cibo a domicilio

Anche Bologna è stata toccata dall'attività dei carabinieri, che in questi giorni hano dato il via a una diffusa campagna di raccolta informazioni relativa alle indagini che sta conducendo la procura di Milano sul tema. Non sono noti i numeri sulla città, ma a livello nazionale si parla di oltre mille interviste ad altrattanti ciclofattorini impegnati nelle consegne per conto di diversi portali del cibo a domicilio.

Le attività dei militari si sono svolte su strada e contestualmente in tutte le province ed hanno consentito di “fotografare”, attraverso la voce dei lavoratori e delle condizioni reali constatate sul territorio, le modalità di svolgimento del servizio e le forme di tutela loro garantite, sia sotto il profilo  della sicurezza che sanitario

Sembra si allarghi quindi l'inchiesta dei magistrati milanesi nel mondo delle consegne a domicilio gestite dai portali web, che nel capoluogo lombardo ha portato al commissariamento di una società da parte del Tribunale di Milano per presunto caporalato da parte della sua controllata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Emilia-Romagna, bollettino covid 26 novembre: + 2157, 515 a Bologna. Calano i casi attivi

Torna su
BolognaToday è in caricamento