Cronaca Zona Universitaria / Largo Respighi

Teatro Comunale, struttura da 2 quintali cade sul palco, sindacati: "Sfiorata la morte bianca"

Un lavoratore è stato colpito dalla struttura luci precipitata, ma fortunatamente se l'è cavata. I sindacati però sottolineano la gravità dell'episodio: "Scarsa attenzione per le procedure di sicurezza"

Sfiorata la tragedia al Teatro Comunale: "Ieri sera si è verificato un grave incidente sul palco e solo per un destino favorevole ora possiamo parlare di incidente e non di morte sul lavoro". I sindacati raccontano che durante la rappresentazione una parte della struttura luci (due quintali di peso) si è ribaltata sul palcoscenico colpendo un lavoratore che è stato prontamente soccorso e portato in ospedale.

Fortunatamente le sue condizioni non sembrano di una gravita' irreversibile, "ma quanto accaduto avrebbe potuto generare situazioni ben peggiori", evidenziano Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil e Fials-Cisal. Appunto, solo il caso ha evitato di parlare oggi di morte bianca. Le cause dell'incidente sono al vaglio, ma in ogni caso in questo momento non possiamo non evidenziare la scarsa attenzione per le procedure di sicurezza esistenti all'interno del Teatro che gia' in passato ha generato situazioni preoccupanti", aggiungono le quattro sigle.

Insomma, quanto successo non puo' essere derubricato in maniera sbrigativa. E quindi, "anche per dar voce allo sconcerto dimostrato dai lavoratori di fronte ad un episodio cosi' grave, abbiamo deciso, quale forma di protesta e di sensibilizzazione, il posticipo di 15 minuti della messa in scena dello spettacolo di oggi". Slc, Fistel, Uilcom e Fials aggiungono che "la situazione di indeterminatezza che aleggia in questo periodo sul Teatro certo non aiuta ad avere la giusta concentrazione nelle normali attivita' lavorative; allo stesso tempo non possiamo accettare che venga meno da parte della direzione e di chi e' preposto a queste attivita', la giusta attenzione alla prevenzione di infortuni in palcoscenico".

Della situazione del Teatro, i sindacati confederali hanno anche parlato all'assessore regionale alla Cultura, Massimo Mezzetti. Per evidenziare che, "nonostanze gli apprezzabili ed apprezzati sforzi fatti dalla Regione e dal Comune di Bologna, i lavoratori continuano ad avere incertezze sull'erogazione dei loro stipendi e sul loro futuro". Questo a causa di "ritardi ed omissioni ministeriali" ed e' per questo che le tre sigle hanno chiesto a Mezzetti di schierare la Regione in pressing sulle rivendicazioni nei confronti del ministro dei Beni culturali Dario Franceschini: - riportare la quota di Fondo unico dello spettacolo (Fus) a quella prevista negli impegni costituivi del piano di risanamento, la cui scadenza va prorogata di almeno un anno; rendere triennale la programmazione del Fus; dare tempi certi (ed utili per la copertura delle spese correnti) nella redistribuzione del Fus. Alla Regione e' stato chiesto di fare ancora piu'a' sforzi economici a favore del Teatro. Per il momento, in risposta, e' venuto un impegno a "promuovere maggiori sinergie tra le realta' presenti in regione per aumentare la possibilita' di rappresentazioni di coro ed orchesta del teatro comunale in ambito regionale incrementando in tal modo punteggio Fus".

(fonte Dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro Comunale, struttura da 2 quintali cade sul palco, sindacati: "Sfiorata la morte bianca"

BolognaToday è in caricamento