Incidente a Sasso: condannato 5 anni e 6 mesi per la morte di Silvana Serenari

Guidava con la patente sospesa e senza assicurazione. L'esame delle urine risultò positivo agli stupefacenti

5 anni e 6 mesi al processo di primo grado, con rito abbreviato, per D.C., il 47enne accusato di omicidio stradale per aver provocato, il 24 gennaio, a Sasso Marconi, la morte della 66enne Silvana Serenari.

Il pm Nicola Scalabrini aveva chiesto una condanna a 9 anni: lo scontro frontale era avvenuto sulla Nuova Porrettana, D.C., seguito dal Sert, guidava con la patente sospesa per guida in stato di ebbrezza e senza assicurazione. L'esame delle urine risultò positivo agli stupefacenti. Si trova già in carcere dopo che a febbraio il Tribunale del Riesame aveva rigettato la richiesta di scarcerazione del suo legale.

"Al termine dell'udienza di oggi ho fatto una nuova richiesta di scarcerazione al giudice - ha detto l'avvocato Cocco -. Per quanto riguarda l'uso degli stupefacenti il mio cliente si è sempre dichiarato innocente, sostenendo che quella mattina prima di andare a lavoro aveva assunto solo il metadone, come gli era stato prescritto". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Rifiuti, stop indifferenziata porta a porta: da oggi si usa solo la Carta Smeraldo

  • Monte San Pietro: anziano morto durante il trasporto in pulmino, indagini in corso

Torna su
BolognaToday è in caricamento