Uccisa da un'auto: 5 anni all'assassino, la madre di Lucia "Leggi ridicole"

Lo scorso 5 marzo una ragazza di soli 18 anni, Lucia Varriale, è stata investita e uccisa da un giovane alla guida che aveva assunto cocaina: dopo la condanna "non esemplare" la mamma attacca la giustizia

La delusione dei genitori di Lucia Varriale, uccisa lo scorso 5 marzo su via Stalingrado da un'auto guidata da un giovane che aveva assunto droghe, era emersa già dopo la prima condanna: il PM aveva chiesto 15 anni, poi a Christian Alessandrini ne sono stati dati 7 e ora anche la riduzione della pena: "Non c'è giustizia. Se uno è imbottito di cocaina e corre a 120 all'ora al volante di un'auto, uccide una ragazza, un'altra la manda all'ospedale e dice di non aver visto le strisce se la cava con cinque anni. Poi tra buona condotta, indulti e quant'altro diventano anche meno" il dolore della madre di Lucia  Carmela Donadona.

L'auto assassina che ha travolto la ragazza di soli 18 anni era guidata da un giovane di 31 anni che dopo aver assunto cocaina si era messo al volante spingendo la vettura ad una velocità di circa 100 chilometri orari. La Corte d'appello ha ridotto la pena per l'automobilista da 7 anni a 5 anni e 4 mesi e la madre della ragazza attacca: "Ribadisco quello che dissi dopo il primo grado - dice Carmela Donadona - dite a tutti che si possono ubriacare e drogare, che possono investire le persone e ucciderle tanto si prendono solo cinque anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le leggi per questi reati sono ridicole. Il nostro codice della strada è stato fatto quando in Italia giravano poche decine di auto. Non esistono leggi appropriate, non esiste il reato di omicidio stradale e il ritiro definitivo per la patente. Questo è quello che vogliamo noi genitori che abbiamo avuto un dolore così grande. L'Italia è l'unico paese in Europa che ha leggi così miti in casi simili. Mi figlia era piena di vita e voleva vivere. Chi si droga non ha diritto a guidare un'auto, perchè l'auto diventa un proiettile in mano ad uno così. Ci doveva essere una sentenza esemplare»
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Prezzi case a Bologna: la mappa zona per zona

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

Torna su
BolognaToday è in caricamento