Auto incendiata sulla Porrettana, un morto: strada riaperta al traffico

"La circolazione veicolare e il transito dei mezzi di trasporto pubblico Tper Spa sono in via di normalizzazione", fa sapere il sindaco

Riaperta al traffico in entrambe le direzioni la Porrettana, chiusa questa mattina poco prima delle 8 dopo il decesso di una persona a seguito dell'incendio di un'auto. "La circolazione veicolare e il transito dei mezzi di trasporto pubblico Tper Spa sono in via di normalizzazione", ha scritto sui social il sindaco di Casalecchio Massimo Bosso poco prima delle ore 13 odierne.

Un morto e Porrettana chiusa: la ricostruzione dell'accaduto

Dalla prima ricostruzione, si apprende che un carabiniere, libero dal servizio, passando in zona ha notato una colonna di fumo e traffico intenso lungo la Porrettana. Il militare è così intervenuto prontamente. Aprendo lo sportello, ha estratto la persona che giaceva esanime all'interno dell'abitacolo, completamente invaso dal fumo. A quel punto - riferisce l'Arma - il carabiniere ha intuito la gravità della situazione e  ha prontamente agito, evitando ulteriori conseguenze. Ha infatti preso un estintore da un camion fermo in coda per spegnere il rogo. Poi ha fatto in modo di fermare il traffico nella zona, in attesa dei soccorsi.

Se in prima battuta l'accaduto sembrava riferibile a un incidente stradale, al momento non si esclude alcuna ipotesi. Gli inquirenti lavorano per ricostruire le dinamiche dei fatti.

Sul luogo sono intervenuti, oltre ai carabinieri, anche i vigili del fuoco e l'autorità giudiziaria.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto a fuoco, morta giovane donna e Porrettana chiusa al traffico per ora

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Maxi furto al bar: si finge acquirente e ruba 200mila euro di diamanti

  • Incidente sulla Statale: schianto tra auto, morta una donna

  • Morto in solitudine, gli amici si mobilitano per trovare i parenti: "Ivan se lo meritava"

Torna su
BolognaToday è in caricamento