rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Incidenti stradali San Lazzaro di Savena

Chi è il giovane morto nello schianto al Savena

Lavorava alla Bottega da Franco. Loiano, suo paese di origine in lutto: "Notizia terribile per tutta la comunità"

Un ennesimo decesso per incidente sulle strade di Bologna. Questa notte, poco dopo le 4, è morto Alessandro Massa, 31 anni, di San Lazzaro. 

Dalle prime ricostruzioni, per motivi da accertare, al vaglio della polizia locale di Bologna, avrebbe perso il controllo del veicolo, andando a sbattere contro il cordolo di viale Cavina, poco prima della Rotonda Decorati al Valor Militare,  ed è precipitato all'interno del sottopasso.

Sul posto, oltre alla locale, sono intervenuti i vigili del fuoco e i sanitari del 118 che hanno constatato il decesso. 

"Abitava a Idice di San Lazzaro da un paio di anni - si legge su Loiaweb - E' morto questa notte in un grave incidente stradale il nostro Alessandro Massa (Massino). Una notizie terribile per tutta la comunità loianese che lo conosceva e di cui era amico. Siamo tutti vicino alla famiglia in questo momento di grande dolore". La vittima era originaria infatti di Loiano, dove vive tuttora la sua famiglia  e lavorava al ristorante "La Bottega di Franco". 

Altro incidente mortale: stesso punto, stessa dinamica

Sul quel tratto di strada, qualche mese fa, un'auto con a bordo due uomini aveva urtato il cordolo in cemento ed era finita fuori strada. La vettura aveva preso fuoco non lasciando loro scampo. 

Si tratta dell'ennesimo mortale in pochi giorni: il 27 settembre a morire in viale De Gasperi, Alessandro Manfrini, 21 anni. Anche il giovane avrebbe perso il controllo della moto Ducati che nell'impatto si è incendiata. Il 23 settembre a morire è stato un poliziotto di 43 anni, Fabio Crocetta e anche lui era in sella a una Ducati, quando in via Calamosco si è scontrato con un'auto.

Il 20 settembre lo scooter di una 68enne è andata a sbattere contro un'auto in via Rocchi. Per la donna, ricoverata in gravissime condizioni, era stata dichiarata la morte cerebrale ed era quindi stato autorizzato l'espianto degli organi, rispettando le sue volontà. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chi è il giovane morto nello schianto al Savena

BolognaToday è in caricamento