Incidenti stradali Navile / Via Stalingrado

Drogato alla guida uccise la 18enne Lucia Varriale: condannato a 7 anni

Delusione cocente per i familiari della vittima: "Ditelo che in Italia si può drogarsi, mettersi al volante e uccidere una persona, e che la pena è solo sette anni". Il pirata, giudicato con rito abbreviato, ha avuto diritto ad uno sconto della pena

Investì e uccise la 18enne Lucia Varriale sulle strisce pedonali, mentre era alla guida sotto effetto di cocaina. Christian Alessandrini pagherà per quella giovane vita spezzata con 7 anni di reclusione. Così ha deciso il giudice in rito abbreviato.

DELUSIONE FAMILIARI. Grande delusione della madre e della sorella all'uscita del tribunale: "Ditelo - hanno urlato - che in Italia si può drogarsi, mettersi al volante e uccidere una persona, e che la pena è solo sette anni". "Poteva essere l'occasione per il riconoscimento di un reato, quello di omicidio stradale, che anche la gente chiede". Così l'avvocato Flavio Pirovano, che tutela i genitori e la sorella di Lucia Varriale. La famiglia e il legale avevano sperato in una pena maggiore: "Presenteremo istanza alla procura generale per sollecitare l'impugnazione per la parte che ci interessa, il riconoscimento dell'omicidio volontario, che ci era parso molto evidente nel caso di una persona che investe a 100 all'ora due ragazze (una riportò delle lesioni, ndr) sulle strisce pedonali e ammette anche di aver consumato cocaina la mattina precedente". "Certo, rispetto alle pene di 1-2 anni per omicidio colposo cui di solito siamo abituati per casi simili, 7 anni è una pena appagante. Il tribunale di Bologna ha avuto più coraggio di altri. Ora serve un passo ulteriore dalla politica".

SCONTO DI PENA. Il pm titolare dell'inchiesta, Antonello Gustapane, al processo aveva chiesto una condanna a 15 anni per omicidio volontario nell'ipotesi del dolo eventuale (nel senso che chi si mette alla guida ubriaco o drogato accetta di fatto il rischio di uccidere qualcuno) e in subordine otto anni per omicidio colposo con colpa cosciente. Il giudice ha optato per la seconda ipotesi di reato abbassando la pena a sette anni. Essendo stato Alessandrini giudicato con rito abbreviato ha beneficiato di uno sconto di un terzo di pena. Stabilita anche una provvisionale di 280.000 euro per ciascun genitore, di 80.000 euro per la sorella.

TRAGEDIA IN UN SABATO SERA. L'incidente avvenne intorno alle 20.15 del 5 marzo 2011 in via Stalingrado: era un sabato sera e Lucia insieme ad un'amica stava andando a piedi alla discoteca Estragon. Il pirata della strada, viaggiava a velocità sostenuta. Due auto prima di lui si fermarono per far attraversare le ragazze; lui arrivo' velocissimo e le supero' sulla corsia di sorpasso, centrando in pieno Lucia. Fu poi sottoposto a test tossicologici e trovato sotto effetto di droga. Alessandrini venne arrestato quella sera stessa.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Drogato alla guida uccise la 18enne Lucia Varriale: condannato a 7 anni

BolognaToday è in caricamento