menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ANSA FOTO_KEITA

ANSA FOTO_KEITA

Ragazzina investita: tolta patente a Keita, indagato per omesso soccorso

La Polizia Municipale ha notificato il decreto di sospensione al centro sportivo del Bologna Calcio a Casteldebole

Patente sospesa per Cheick Keita, il calciatore del Bologna, indagato insieme a un amico senegalese 22enne per omissione di soccorso.

I fatti risalgono al 22 febbraio scorso, quando una Mercedes investì una 12enne in via Emilia Ponente, fortunatamente senza conseguenze gravi. Secondo le testimonianze, l'auto non si fermò, urtò anche un furgone, ma tornò sul luogo dell'incidente un quarto d'ora dopo, con a bordo appunto il terzino. 

Il calciatore avrebbe fornito più versioni, prima agli agenti di Polizia, ai quali avrebbe riferito di essere il conducente, poi di essere a bordo come passeggero, infine ha detto alla Municipale di aver prestato la macchina ad alcuni amici. Dell'indagine si occupa il procuratore aggiunto Valter Giovannini, coordinatore dei fascicoli di competenza del giudice di pace. 

In attesa di arrivare a capo della faccenda, la Polizia Municipale ieri pomeriggio ha notificato a Ketia il decreto di sospensione al centro sportivo di Casteldebole, dove si stava allenando. Da quanto si apprende, al momento, le versioni non sarebbero del tutto credibili. 

L'interrogatorio al personale alla Municipale a di Polizia giudiziaria era fissato per oggi, ma, i legali di Keita e dell'amico, ne avevano chiesto il rinvio, dicendo che entrambi sarebbero stati in Francia, ma ieri il calciatore si trovava appunto a Casteldebole. Si attendono dunque le valutazioni della Procura, una volta noti gli esiti dell'esame dei tabulati telefonici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento