Scappano con auto rubata, poi l'incidente: coinvolto un bimbo

In due riescono a scappare ma per gli altri scattano le manette

Sono stati arrestati solo dopo una colluttazione con gli agenti due dei quattro occupanti di un'auto che ieri pomeriggio ha provocato un incidente in via Casini, zona Pilastro, nella quale è stata coinvolta una famiglia con un bambino di 14 mesi. Il piccolo sta bene, così come anche i genitori che viaggiavano sul mezzo che è stato coinvolto nell'incidente.

A originare lo scontro è stata la fuga, con relativo inseguimento della Polizia, da parte della Skoda Fabia sulla quale viaggiavano quattro ragazzi, tutti cittadini albanesi e tutti giovani tra i 17 e i 19 anni . L'auto non ha rispettato l'alt della volante, impegnata per controlli alla circolazione. Alla vista della 'paletta' la Skoda ha accelerato bruscamente, innescando una corsa conclusasi in zona con l'incidente stradale.

Subito dopo l'impatto il conducente e uno degli occupanti del mezzo si sono dati alla fuga mentre gli altri due son stati bloccati, anche se hanno cercato di divincolarsi innescando una colluttazione con gli agenti. Alla fine i due sono stati ammanettati e poi portati in Questura, con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale. In serata anche gli altri due ragazzi fuggiti si sono poi spontaneamente presentati in Questura: entrambi sono stati denunciati per omissione di soccorso, mentre il più giovane, minorenne, è stato anche denunciato per guida senza patente poiché sospettato di essere al volante al momento dello scontro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Incidente a Budrio: schianto tra auto alla Riccardina

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

Torna su
BolognaToday è in caricamento