Cronaca

Indignati bolognesi vs Bankitalia: 4 indagati, anche leader Tpo

Per i tafferugli di mercoledì scorso 4 persone all'attenzione della Procura. A loro carico una lunga sequela di accuse: istigazione a delinquere, lesioni, manifestazione non autorizzata, rapina

Spuntano 4 nomi nel registro degli indagati per i tafferugli di mercoledì scorso durante la manifestazione degli Indignati contro la Banca d'Italia di Bologna e per la successiva irruzione nella sede dell'Unep della Corte d'appello. A loro carico, a vario titolo, una lunga sequela di accuse: dall'istigazione a delinquere finalizzata all'invasione di edificio pubblico a lesioni e manifestazione non autorizzata fino alla contestazione per danneggiamento e rapina.

Tra le persone finite all'attenzione della Procura anche il leader storico del centro sociale Tpo. L'iscrizione dei nomi nel registro degli indagati è arrivata dopo che è giunto in procura il primo rapporto della Digos, a cui dovrebbero seguirne altri quando saranno visionati altri filmati degli incidenti.

TRA LE ACCUSE ANCHE QUELLA DI RAPINA. Per il leader del Tpo l'accusa è di istigazione a delinquere finalizzata all'invasione di edificio pubblico. Gli altri reati ipotizzati a seconda dei casi sono resistenza, lesioni e manifestazione non autorizzata. Per due dei quattro indagati ci sono anche le accuse di danneggiamento e rapina per l'irruzione all'Unep. L'accusa di rapina scaturisce dal fatto che a un dipendente sono stati strappati di mano documenti e fascicoli. Per ora non è ancora giunta in procura la denuncia preannunciata dalla manifestante che era rimasta ferita negli scontri. "La procura procederà - ha detto il procuratore aggiunto Valter Giovannini, portavoce della procura - con serenità, celerità e determinazione".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indignati bolognesi vs Bankitalia: 4 indagati, anche leader Tpo
BolognaToday è in caricamento