menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Infermieri impiegati in modo irregolare? Ausl: 'Non si recluta da studi professionali'

Ausl, sulle presunte irregolarità di assunzione del personale infermieristico: 'reclutamento di tramite graduatoria concorsuale'

Risposta a "stretto giro" di Ausl, in seguito agli articoli di stampa sulle modalità di assunzione del personale infermieristico nelle strutture sanitarie pubbliche: "Non esistono, presso l’Azienda Usl di Bologna, modalità di reclutamento di personale infermieristico per esigenze di carattere temporaneo, effettuate tramite la stipula di contratti con cosiddetti studi professionali - fa sapere l'Azienda - la modalità di reclutamento di personale infermieristico è quella dell’assunzione tramite graduatoria concorsuale". 

Il caso nasce da quanto riportato ieri da Repubblica Bologna: sarebbero circa 200 gli infermieri precari che lavorerebbero conto terzi, impiegati negli ospedali pubblici e privati delle Due Torri e gestiti da alcuni studi professionali. La pratica illecita consisterebbe nel fatto che le uniche agenzie riconosciute per il lavoro cosiddetto 'a chiamata' sarebbero le agenzie per il lavoro. Il lavoro di questi professionisti, comunque perfettamente formati, sarebbe però coordinato attraverso portali e chat whatsapp -riporta Repubblica- in modo informale, con grossi rischi di non vedere riconosciuti in sede fiscale contributi, ferie e straordinari. Altro caso quello di una cooperativa di badanti, dove lavoratori e lavoratrici sono soci solo di nome ma di fatto sono dipendenti. Un sistema in tutto e per tutto simile a quello del facchini della logistica, e anche questo molto rischioso quando si deve verificare il versamento dei contributi per accedere agli ammortizzatori sociali o alla pensione.

"Il ricorso a personale infermieristico interinale (in Azienda Usl di Bologna), strumento peraltro utilizzato in via residuale, 18 unità di media nel 2018, e solo per fare ricorso a situazioni temporanee - continua Ausl - avviene infatti attraverso una Agenzia per il lavoro, unica per tutte le Aziende appartenenti all’Area Vasta Emilia Centrale, che comprende le provincie di Bologna e Ferrara. Dal 2008, infatti, l’Agenzia viene individuata attraverso apposita gara d’appalto sulla base delle necessità delle Aziende dell’Area Vasta Emilia Centrale". 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento