Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infermieri Bologna: "Non si vede la fine dell'emergenza, problema tenuta psicologica"|VIDEO

A rilanciare l'allarme è Pietro Giurdanella, numero uno dell'Ordine degli infermieri di Bologna: "In alcune realtà anche il blocco delle ferie"

 

Problema della "tenuta psicologica" degli operatori sanitari, dopo un anno di pandemia. A rilanciare l'allarme è Pietro Giurdanella, numero uno dell'Ordine degli infermieri di Bologna e presidente del Coordinamento degli ordini infermieristici dell'Emilia-Romagna.

"Nella prima fase il problema erano le tutele e i sistemi di protezione, che erano contati- ricorda Giurdanella, intervistato oggi dall'agenzia ire- oggi invece abbiamo costruito dei percorsi per i pazienti positivi e negativi, ma a un anno di distanza il problema è la tenuta psicologica degli operatori".

Lavoro e stress, le voci degli infermieri: "Situazione critica, siamo stanchi" 

Il presidente dell'Ordine conferma: "C'è il problema del burnout, ma c'è anche un problema di gestione generale. Così come un cittadino sente l'esigenza di andare in ferie, la sente anche un infermiere o un medico. E anche noi siamo obbligati a stare dentro quattro mura". Quindi oggi "il problema è la tenuta psicologica di gruppi che non vedono una fine e vedono il susseguirsi di ondate" di Covid, insiste Giurdanella. A questo si aggiunge che "in diverse realtà, come a Bologna, c'è anche il blocco delle ferie. Quando però si esce di casa e si vede il liberi tutti, viene da dire: ma io sto ancora lavorando senza poter andare in ferie".

Per alleggerire la situazione, suggerisce il numero uno degli infermieri di Bologna, occorre "potenziare fin da ora l'assistenza domiciliare e territoriale, perchè tanti casi possono essere gestiti a domicilio, evitando il sovraccarico degli ospedali. Lo diciamo da sei-sette mesi". A livello nazionale, ricorda ancora Giurdanella, "è stata individuata la figura chiave dell'infermiere di comunità, programmando l'assunzione di 9.000 unità. Ad oggi però ne contiamo poche centinaia in tutta Italia. Chiediamo a gran forza di accelerare su questo".

In questi mesi, rileva il presidente dell'Ordine degli infermieri di Bologna, "la Regione Emilia-Romagna ha alzato gli standard quantitativi del personale, ma bisogna ricordarsi che un infermiere va cresciuto e specializzato. Quindi oggi per mettere più risorse nei reparti, bisogna valutare anche che questi infemieri vanno formati. E in questa fase stiamo specializzando gli infermieri per avere maggiori risorse".(dire)

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento