Inquinamento, a Bologna si misura anche con le api (ed è in crescita)

Misurato con una collaborazione tra apicoltori e università. Aumentano sia mortalità che bioaccumulo

Glifosato e metalli pesanti: gli ambienti cittadini sono sempre più contaminati. E a dirlo sono le api, sentinelle ambientali di prim'ordine e protagoniste di un'indagine condotta dal dipartimento di Sciente e tecnologie ambientali dell'Alma Mater di Bologna insieme al Conapi, il consorzio nazionale degli apicoltori.

Lo studio, che al momento vuole avere un valore solo "dimostrativo", è stato realizzato tra il 2017 e il 2019 in quattro città: Torino, Milano, Bologna e Bari, che l'anno scorso è subentrata a Potenza. Sono stati monitorati gli alveari posizionati negli orti urbani, misurando sia la mortalità delle api ogni settimana sia i livelli di pesticidi e metalli pesanti presenti negli insetti e nel nettare-miele raccolto nel favo. I dati dimostrano che i livelli di inquinamento sono in aumento nel corso degli anni in tutte e quattro le città.

I risultati dell'indagine, che saranno presentati domani nel corso di un convegno a Fico, sono stati anticipati oggi in conferenza stampa nel capoluogo emiliano. Per quanto riguarda i pesticidi, sia a Bologna sia a Torino nel 2019 non è mai stata superata la soglia critica di mortalità delle api (125 decessi a settimana in ogni alveare), ma sia negli insetti sia nel nettare sono state rinvenute tracce di glifosato nel prelievo fatto in autunno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Milano e Bari, invece, la soglia critica è stata di gran lunga superata, con picchi di 1.500 api morte a settimana nel capoluogo milanese e 700 nella città pugliese. In tutti i prelievi inoltre sono state trovati residui di glifosato, sia negli insetti sia nel miele, tanto nel prelievo autunnale quanto in quello estivo. In generale, conferma Claudio Porrini, ricercatore che ha condotto lo studio, nel triennio "c'è stato un crescendo, anche se i livelli di glifosato sono bassi". Preoccupante è anche la presenza dei metalli pesanti rilevati nelle api, a loro volta in aumento nel triennio nelle quattro città oggetto dell'indagine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'oroscopo di agosto segno per segno: ecco cosa dicono le stelle

  • SuperEnalotto, la fortuna bacia Pianoro: vinti 18mila euro

  • Covid e gestione piscine, parrucchieri ed estetisti: siglata nuova ordinanza in Emilia-Romagna

  • Le 10 mostre di agosto da non perdere a Bologna

  • Temporale improvviso nel gran caldo, alberi caduti e allagamenti

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna 1 agosto: 10.400 tamponi e 56 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento