Inseguimento rocambolesco a Castenaso: feriti due carabinieri nella notte

L'uomo ha speronato l'auto dei militari, poi fuggito, è stato arrestato dai carabinieri mentre comprava medicinali a Zola Predosa. In manette il passeggero con un etto di cocaina pura all'80%

foto archivio

Prima ha speronato l'auto dei carabinieri per evitare il posto di blocco, poi, insieme al passeggero, è fuggito a piedi nei campi limitrofi. È successo nella notte nei pressi della tangenziale a Villanova di Castenaso, quando un'auto a tutta velocità ha provocato di fatto un incidente stradale, ferendo due militari.

La pattuglia dei carabinieri della stazione di San Lazzaro era impegnata nei servizi di contenimento e gestione dell’emergenza coronavirus e ha intimato l'alt ma il conducente, accortosi dei militari, ha speronato l’autoradio di servizio procurando un incidente stradale ad oltre 100 km/h. Non appena i veicoli si sono fermati, il conducente e anche un passeggero, seduto sui sedili posteriori, sono scesi velocemente e sono fuggiti a piedi per i campi adiacenti. 

Lui è riuscito a dileguarsi mentre il passeggero, un trentaseienne marocchino, residente a Bologna e disoccupato, è stato arrestato per concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Quest'ultimo infatti è stato trovato in possesso di un etto di cocaina che, esaminata dai carabinieri del laboratorio analisi sostanze stupefacenti del comando provinciale di Bologna, è risultata avere un principio attivo del 83%, molto alto per il tipo di sostanza stupefacente.

L'uomo dovrà rispondere inoltre di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e lesioni personali aggravate. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, lo spacciatore, gravato da numerosi precedenti di polizia, è stato portato in carcere. I due carabinieri sono stati invece trasportati all'Ospedale Maggiore; entrambi dimessi, uno di loro ha ricevuto dieci giorni di prognosi.

Ritrovato il fuggitivo: era a Zola in farmacia

I carabinieri hanno arrestato il fuggitivo che era scappato ieri dopo aver speronato le macchine dei carabinieri della compagnia di San Lazzaro. Le ricerche sono proseguite ininterrottamente da ieri sera finché oggi l'uomo è stato trovato a Zola Predosa. È infatti uscito allo scoperto per recarsi in farmacia a comprare delle medicazioni per le ferite che si era procurato a seguito dell'incidente stradale.

Cittadino marocchino, classe '75, in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali pluriaggravate e danneggiamento. Inoltre è stato sanzionato per inosservanza delle misure di contenimento covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la fuga di ieri la procura della Repubblica di Bologna aveva emesso un fermo di indiziato di delitto. (aggiornato alle 21.00)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio Elettra Lamborghini: tutti i dettagli della cerimonia a poche ore dal 'si'

  • Matrimonio da favola per Elettra Lamborghini: gli abiti da sposa, la torta e i fuochi d'artificio / LE FOTO

  • Pianoro, morto il 17enne coinvolto nell'incidente auto-moto

  • Coronavirus, altri 4 studenti positivi in 4 scuole: 78 in quarantena

  • Le sagre di ottobre da non perdere a Bologna e provincia

  • Covid, il giro di vite anti-contagio di Merola: mascherina obbligatoria nel weekend

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento