Labas in vicolo Bolognetti, l'assessore: "Rimane per evitare altre occupazioni"

Per ora, Palazzo D'Accursio ha fermato la firma del nuovo contratto, prorogando la convenzione già esistente dal 2018

Il Comune di Bologna ha prorogato l'assegnazione di vicolo Bolognetti al collettivo Labas anche per scongiurare che l'immobile, restando vuoto, possa essere occupato. Lo spiega l'assessore alla Cultura, Matteo Lepore, interpellato nel Question time di ieri da Francesca Scarano, capogruttpo della Lega a Palazzo d'Accursio. L'associazione "Nata per sciogliersi", creata da Labas, ha vinto il bando per vicolo Bolognetti ma la cordata arrivata seconda in graduatoria (Comitato piazza Verdi, Youkali, Boart e Vicolo stretto) ha fatto ricorso al Tar, che lo ha respinto. A sua volta, il pronunciamento è stato impugnato e dovrà pronunciarsi il Consiglio di Stato.

Per ora, Palazzo D'Accursio ha fermato la firma del nuovo contratto, prorogando la convenzione già esistente dal 2018. Questo perchè "anche facendo seguito alle prescrizioni della Soprintendenza", l'amministrazione ritiene che l'immobile, "inserito in un contesto di particolare pregio e di sensibile collocazione- afferma Lepore- possa risultare suscettibile, qualora lasciato privo di adeguato presidio, di occupazioni abusive e del prodursi di degrado urbano". Nata per sciogliersi "risulta già nella disponibilità dell'immobile e fino all'ordinanza per l'emergenza coronavirus- aggiunge l'assessore- ha svolto un ricco programma di attività e progetti tali da garantire la valorizzazione dell'immobile".

In effetti non sono arrivate "comunicazioni di lamentele e contrarietà da parte di cittadini per quanto riguarda l'operato dell'associazione", riferisce Lepore. Ora, invece, "non ci risulta che al momento si svolgano attività, come prescritto dalla stessa ordinanza", ma Scarano richiede ulteriori verifiche poichè "la scorsa settimana abbiamo avuto segnalazioni sul fatto che lo spazio fosse ancora aperto".

Biblioteca Ruffilli

Esulla biblioteca Ruffilli, che si trova sempre nel complesso di vicolo Bolognetti: "Si conferma che manterrà la propria funzione di biblioteca pubblica a gestione comunale, che assicurerà i servizi bibliotecari principali": reference, gestione delle raccolte, prestito, prestito interbibliotecario circolante, document delivery. "Il suo inserimento all'interno dell'avviso pubblico di vicolo Bolognetti- continua Lepore- ha avuto lo scopo di sollecitare progetti volti a arricchire il servizio pubblico e di valorizzarlo attraverso proposte e attività innovative nel campo della promozione culturale incentrata sull'utilizzo della sala conferenze multimediale e dell'esercizio del diritto allo studio, mantenendo l'apertura oraria piu' ampia possibile della sala studio.Ora si valuteranno proposte che siano coerenti con la vocazione di vicolo Bolognetti". Nel frattempo, a gennaio "ho annunciato il nuovo progetto di rilancio della biblioteca Ruffilli a cura di Sala borsa- ricorda Lepore- per diventare anche una una sezione distaccata di quest'ultima dedicata al digitale e all'archivio video-ludico, quindi senza venir meno alla presenza dei dipendenti dell'Istituzione che sono dipendenti comunali e ponendo fine ai rumors su un'eventuale esternalizzazione e dislocamento altrove dei dipendenti". Anzi, conclude Lepore, "quella biblioteca avra' una gestione piu' pubblica e piu' comunale di quanto abbia mai avuto negli ultimi anni, con la messa a disposizione di competenze molto importanti come quelle dello staff di Sala Borsa".
(dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento