rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Camugnano

Appennino bolognese: divieto di balneazione nei laghi di Suviana, Brasimone e Santa Maria

Così per "proteggere la salute dei cittadini dai rischi derivanti dalla scarsa qualità delle acque". Fi: "Interferenza sulle attività turistiche". Sel: "Serve accordo tra Ente parco e amministrazioni locali"

Le aree destinate alla balneazione in Emilia-Romagna sono esclusivamente quelle marine e l’attività di balneazione nei bacini di Suviana, Brasimone e Santa Maria, nel bolognese, è quindi vietata. La Giunta regionale ha così risposto questa mattina a due interrogazioni, presentate una da Fi e l'altra da Sel, sulla fruizione dei bacini dell’Appennino bolognese preclusi all’attività di balneazione.
Come spiega un esponente dell'esecutivo, “la legislazione in materia è finalizzata a proteggere la salute umana dai rischi derivanti dalla scarsa qualità delle acque di balneazione tramite la protezione e il miglioramento ambientale, perseguite attraverso il monitoraggio e l’attuazione di misure di gestione per il riconoscimento e la riduzione delle possibili cause d’inquinamento. 

“Un ulteriore importante rischio per la salute umana- ha aggiunto- è relativo alla sicurezza. Se infatti per le acque di mare e le piscine nel periodo balneare è attivo il servizio di salvamento con personale abilitato, l’introduzione di analogo servizio per la balneazione in acque interne risulterebbe essere sicuramente fortemente oneroso e, per le stesse caratteristiche morfologiche fluviali, in particolare nei tratti montani, probabilmente meno efficace”.

Per Fi “il divieto di balneazione e di accesso all’acqua nei bacini bolognesi, deciso dall’Ente di gestione per i parchi e la biodiversità dell’Emilia orientale, rappresenta un’evidente interferenza sulle attività turistiche, danneggia chi promuove il territorio, oltre a trovare una decisa opposizione delle amministrazioni locali. L’Ente parco, per l’ennesima volta, connota la propria attività a una malintesa accezione del concetto di tutela del territorio e dell’ambiente, ispirata a una visione integralista dell’ecosistema in cui pare che l’antropizzazione del territorio sia un fenomeno da estirpare per favorire un incontrollato inselvatichimento di quelle aree”.

Sel ha invece rilevato che “in altre regioni esistono casi di bacini artificiali in cui la fruibilità dell’invaso è stata regolamentata, consentendo la balneazione e la navigazione”. Il rappresentante della maggioranza ha poi chiesto alla Giunta “soluzioni al fine di rendere balneabili i bacini, nel rispetto della legge, per risolvere un problema che sta creando difficoltà al sistema turistico dell’Appennino”. È necessario, ha concluso, “il raggiungimento di un accordo tra Ente parco, Regione e Amministrazioni locali”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appennino bolognese: divieto di balneazione nei laghi di Suviana, Brasimone e Santa Maria

BolognaToday è in caricamento