Volano sedie in strada, scatta l'aggressione: picchiati da due ubriachi

Entrambe le vittime avevano ammonito i loro aggressori

Li avevano ripresi perché stavano lanciando sedie di un locale in largo Respighi, ma la reazione è stata brutale. Così due cittadini italiani di 19 e 21 anni sono stati denunciati per lesioni aggravate in concorso, dopo quanto accaduto questa notte in Largo Respighi. Intorno alle 2:30 infatti le due vittime, entrambi originari della puglia di 34 e 36 anni, sono state medicate dal 118 sul luogo dell'aggressione.

Dei fatti è stato interessato anche il personale del 113. In base a quanto ricostruito le due vittime hanno notato i due aggressori evidentemente in stato di alterazione dovuta all'alcool mentre lanciavano in aria le sedute dei un locale della piazza.

I due hanno deciso di intervenire e chiedere ai ragazzi di smetterla, ma le cose hanno subito preso una brutta piega. Entrambi i pugliesi hanno rimediato schiaffi e calci, poi i due ubriachi sono andati via.

Un'altra segnalazione però è arrivata proprio mentre i poliziotti stavano raccogliendo le testimonianze delle prime vittime: un'altra situazione analoga sis tava verificando in via ugo Bassi. Alla fine i due sono stati raggiunti dalla volante, che li ha identificati e poi denunciati. Per il 21enne qualche piccolo precedente, mentre il 19enne risultava incensurato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus: riminese ricoverato, aveva volato dal Marconi. Positivo anche un altro passeggero dello stesso volo

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

Torna su
BolognaToday è in caricamento