Lavavetri e parcheggiatori abusivi: 'a lavoro' nonostante i divieti di dimora

Il provvedimento sembra proprio non funzionare per lavavetri e parcheggiatori abusivi che invece continuano a 'lavorare' in strada

Immagine di repertorio

L'applicazione del provvedimento di non dimorare in un determinato luogo e di non accedervi senza l'autorizzazione del giudice (divieto di dimora), sembra proprio non funzionare per lavavetri e parcheggiatori abusivi che invece continuano a 'lavorare' in strada.

Ieri a mezzogiorno circa, la polizia, allertata dai cittadini, ha denunciato per inottemperanza un rumeno di 31 anni con precedenti: nel 2015 era stato allontanato da Bologna per circa 3 anni, ma, incurante, 'esercitava' come parcheggiaotre abusivo in Largo Nigrisoli, nei pressi dell'ospedale Maggiore.

Nel pomeriggio, poco dopo le 19, un altro rumeno di 24 anni, con divieto di dimora di due anni, è stato deferito per lo stesso reato, dopo che alcuni cittadini avevano chiamato la polizia denunciando la presenza di un lavavetri molesto in Porta Mascarella.

Un tunisno di 35 anni è statio invece arrestato perche gravato di divieto di dimora emesso qualche giorno fa, ma che si trovava ancora in città; ora è rinchiuso alla Dozza.

DIVIETO DI DIMORA.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

Torna su
BolognaToday è in caricamento